Bagno di Romagna, l’assessore Ricci: “Sul turismo il lavoro da fare è ancora tanto”

Superare la pandemia per un pieno rilancio del turismo, dopo che i pernottamenti del 2021 fanno segnare un +36,6% rispetto al 2020 ma un -25,2% rispetto al 2019. Bagno di Romagna vuole ripartire e il Comune ha diffuso una nota in cui vuole guardare al futuro con ottimismo e ammette che c’è parecchio lavoro da fare: “I dati turistici delle presenze per il comune termale di Bagno di Romagna – si legge fanno ben sperare per il 2022. Dopo un 2019 da record ed un gennaio e febbraio 2020 che segnavano numeri in crescita anche a doppia cifra, come per tutto il mondo è arrivato lo stop forzato della pandemia.

Dopo un anno segnato da aperture e chiusure, la stagione vera e propria è ripartita anche in questo angolo pregiato dell’appennino solo a maggio 2021. Per quanto la stagione sia stata influenzata dalle restrizioni vigenti per il settore termale, estese fino a Luglio, e dalla ripresa della curva dei contagi a fine anno (novembre-dicembre), la destinazione chiude il 2021 con un +36% sul 2020″.

“Il lavoro da fare è ancora tanto”

“Il vero dato che ci interessa – commenta l’assessore Ricci – è però quello del 2019, quando la località fece registrare il suo record di pernottamenti toccando le 255.000 presenze. Su tale fronte il 2021 si chiude ancora con un -25%, pertanto il lavoro da fare è ancora tanto. Tale dato va però contestualizzato. Difatti se il confronto viene fatto solo sui reali mesi di apertura, tale numero scende ad un -10%, che a confronto delle destinazioni termali di punta regionali, che toccano dati attorno al -50%, da fiducia per il nuovo anno”.

“L’arrivo di tappa del Giro d’Italia, gli eventi locali delle associazioni territoriali, la riapertura del cinema estivo, la costante cura del territorio e la riqualifica dei borghi, queste sono le ricette che oggi portano Bagno di Romagna ad essere il primo comune termale per presenze in Regione, ed il primo dell’entroterra” continua l’Assessore Ricci.

Per questo motivo il 2022 si è aperto con altri importanti progetti a sostegno del settore quale la riqualificazione della rete escursionistica, il proseguimento delle campagne promozionali sul web e la riapertura immediata del bando eventi per supportare le iniziative locali.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui