Autunno di eventi a Cesena per ricordare Cristina Golinucci

L’appello a caccia di nuove testimonianze, lasciato nell’ultima puntata di “Chi l’ha visto?” da Marisa Degli Angeli, madre di Cristina Golinucci, ha riacceso i riflettori sul “principe dei casi irrisolti” della storia contemporanea cesenate.

Il 2022 non sarà un anno come gli altri per mamma Marisa e per tutti coloro che conoscevano Cristina o che hanno seguito da vicino questa vicenda intricatissima nel corso del tempo.

Il 2 settembre sarà il 30° anniversario della scomparsa della 21enne di Ronta.

Come ogni anno ci saranno momenti in cui ricordarne la figura e spingere nuovamente sulle richieste della famiglia per avere una verità sull’accaduto.

«A differenza di tutti gli altri anni – racconta Marisa Degli Angeli dopo la messa in onda della trasmissione Rai – ho ricevuto un nuovo, gradito e grande attestato di solidarietà da parte del Comune di Cesena. Ho già incontrato il sindaco Enzo Lattuca che ha preso a cuore la situazione e di sta prodigando per organizzare momenti comuni in ricordo di Cristina».

Mamma Marisa è felicissima per la vicinanza che il primo cittadino le sta facendo sentire a nome di tutta Cesena. Ogni anno, quando lo storico parroco di Ronta Don Ettore era ancora vivo, ad inizio settembre veniva celebrata una messa in suffragio di Cristina. Da tempo immemorabile amici e famigliari della 21enne hanno perduto la speranza di poterne avere notizia come di una persona viva. «Don Ettore non c’è più. È stato il sindaco a proporre di utilizzare la data del 1° settembre per poter fare la messa per Cristina in un luogo simbolo di Ronta. Il giardino che porta il suo nome. Solo dopo questa data Enzo Lattuca andrà in ferie. Così mi ha garantito: vuole essere presente per portarmi la vicinanza di tutta la comunità cesenate e spera di poter coinvolgere il vescovo Douglas Regattieri, perché possa intervenire a sua volta o anche celebrare la messa per Cristina. Sono sicura che sarà un bel momento di comunione in sua memoria».

Momento che non sarà neppure l’unico.

Nel trentennale della scomparsa (datata 2 settembre 1992) in spazi comunali è già stato infatti organizzato un altro evento. Si tratta della piece “I fiori di Cristina” che tornerà sabato 3 settembre a palazzo Del Ridotto. In un contesto voluto dall’associazione Penelope, che da anni supporta i famigliari delle persone scomparse. Un ente che a Cesena ed in Marisa Degli Angeli ha sempre trovato un punto di forza e che userà questo momento per tornare alla carica sulle vicende della 21enne di Ronta. L’anno del 30° anniversari della scomparsa poi, come si sa sarà anche sottolineato da Ert. Farà il suo esordio al teatro Bonci il 25 novembre lo spettacolo “Voglio soltanto le ossa”: recital ideato da Giacomo Garaffoni e legato alla figura di Cristina Golinucci; che fin dal titolo però promette di evidenziare anche tanto della sofferenza dei suoi parenti nella continua ricerca della verità sulla sua scomparsa.

Nell’ultima puntata di “Chi l’ha visto?” Marisa Degli Angeli, dal parcheggio del convento dei frati Cappuccini dove venne ritrovata la Fiat 500 di Cristina Golinucci, ha riacceso i riflettori su due elementi finora non tenuti in considerazione dalle tante indagini che negli anni hanno scandagliato la storia di sua figlia.

Anzitutto la presenza di un bagno pubblico, murato sotto le scale che salgono verso il convento. Vespasiano che all’epoca della scomparsa era ancora aperto ed in uso e che con le moderne tecnologie di ricerca tracce potrebbe evidenziare tracce inerenti la scomparsa della ragazza che li non sono mai state cercate.

Poi ha fatto appello ad una donna cesenate che non ha mai testimoniato. Una donna che si incontrava lontano da sguardi indiscreti con l’amante sempre all’esterno del convento dei cappuccini. La coppia clandestina si è data appuntamento lì anche il giorno della scomparsa della ragazza. Ma la donna in questione non ha mai testimoniato su quanto potrebbe aver visto: tra movimenti di persone e di auto, in un luogo tranquillo della città ma comunque sempre frequentato, soprattutto di giorno.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui