Ausl Romagna: Covid, impennata record di contagi e ricoveri

Con 721 ricoveri, Ausl Romagna raggiunge il picco di posti letto Covid occupati da inizio pandemia. Il report settimanale dell’azienda sanitaria romagnola che cristallizza la situazione dall’8 al 14 marzo parla di 5.825 positività su un totale di 47.683 tamponi eseguiti, per un tasso di positività del 12,2%, evidenziando quindi un trend in crescita dei nuovi casi positivi. I 721 ricoveri, di cui 56 in terapia intensiva (il numero più alto di sempre), vede  infatti un rialzo di 145 ricoverati rispetto alla settimana scorsa. Con 1996 casi nella settimana di riferimento, Rimini è di nuovo in testa alla classifica dei contagi. Il territorio di Riccione, in particolare, conta 1.149  positivi ogni 100mila abitanti. 

“Questi dati, commenta Mattia Altini, direttore di Ausl Romagna,  ci consegnano una curva del contagio ancora in ascesa, che impegna sensibilmente anche le nostre strutture ospedaliere. Le misure adottate dalla Regione e dai Comuni del nostro territorio, speriamo comincino  a produrre gli effetti di abbassamento della circolazione del virus. L’altra arma che abbiamo a disposizione, oltre alla responsabilità che ciascuno di noi dovrebbe mantenere nel comportamento, è rappresentata dal vaccino. Ma anche su questo versante continuiamo ad andare a rilento nell’approvvigionamento. Speriamo che presto si sblocchi la vicenda di Astrazeneca e attendiamo con fiducia il pronunciamento dell’Ema e conseguentemente  le decisioni di AIFA

“E’ comprensibile – continua Altini – che di fronte a questi episodi i cittadini possano provare smarrimento e preoccupazione. Voglio dire loro che quello di cui devono maggiormente temere è contrarre il Covid per il rischio di complicanze che può comportare. I vaccini rappresentano l’unico strumento che abbiamo a disposizione per combattere i virus e le malattie che senza vaccino hanno da sempre purtroppo prodotto molti lutti”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui