Barbara Valdifiori

Due settimane fa al vertice di Fidal Emilia-Romagna è stato eletto il faentino Alberto Morini, già vicepresidente nazionale, ieri sera, nella prima riunione del nuovo consiglio regionale, sono stati scelti i suoi collaboratori per i prossimi quattro anni. Le caselle della vicepresidenza sono state occupate dal reggiano Alberto Montanari e dalla cesenate Barbara Valdifiori, team manager dell’Atletica Endas Cesena. 49 anni, laureata in scienze dell’informazione e dipendente di un’importante azienda alimentare, la Valdifiori è al suo secondo mandato nel panel che guida l’atletica regionale ed è stata incaricata di coordinare il team che dovrà sviluppare nuove iniziative riguardanti il settore giovanile e il mondo della scuola. “Sono molto onorata di essere stata scelta per la vicepresidenza. I primi quattro anni in consiglio sono stati impegnativi ma molto utili per comprendere le necessità di un’organizzazione complessa, in questo mandato mi auguro di poter metter a frutto questa esperienza per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti con il nuovo gruppo di lavoro. La delega ai rapporti con le istituzioni scolastiche è un incarico che trovo particolarmente gratificante. Lo sport è un’attività fondamentale per i ragazzi e la scuola è la sede naturale in cui cominciare a praticarlo, purtroppo negli ultimi anni i programmi ministeriali hanno relegato l’educazione fisica a un ruolo sempre più marginale riducendo le risorse dedicate.”
Una problematica che la Valdifiori ben conosce e a cui ha cercato una soluzione nel suo compito
dirigenziale all’Atletica Endas Cesena. “Da qualche anno la nostra società, con il supporto di Romagna Iniziative, ha sviluppato un progetto che porta l’atletica leggera nelle scuole medie. E’ un’operazione che ha riscontrato
un grande successo sia fra i ragazzi che fra gli insegnanti e che abbiamo intenzione di espandere non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno. Favorire la realizzazione di esperienze di questo tipo in tutta la regione sarà uno dei miei obiettivi principali per i prossimi quattro anni.”

Argomenti:

Atletica

endas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *