Atletica, tricolori Under 23 nel segno dei gemelli Montanari

Due medaglie d’argento e tanti buoni piazzamenti. Questo il bilancio positivo della truppa romagnola ai campionati italiani Under 23, andati in scena allo stadio Ridolfi di Firenze.

Sul podio sono saliti i due gemelli ravennati Enrico e Alberto Montanari (classe 2001), rispettivamente nel salto triplo e nei 400 ostacoli. Enrico, portacolori dell’Academy Ravenna Athletics, è rimasto al comando della gara fino al penultimo salto in virtù del 15.62 (+2.8 di vento) ottenuto al secondo tentativo, ma quando pregustava già l’oro è arrivato il 15.67 di Tommaso Reffo della Virtus Castenedolo (Brescia) a beffarlo (bronzo a Fabio Pagan della Biotekna Marcon, 15.55).

Qualche rimpianto pure per il fratello Alberto (Fratellanza Modena), entrato nella finale di domenica dei 400 ostacoli con il miglior crono delle batterie (52”26). Nella corsa per il titolo non bastava al ravennate un eccellente 51”48 (personale migliorato di 7 centesimi), perché Michele Bertoldo dell’Atletica Vicentina volava in 51”42 (3° il beneventano Santoro in 51”55): 27° Federico Bonfè dell’Olimpus San Marino (58”91). Lo stesso Montanari è poi giunto 7° con la staffetta 4×400 della Fratellanza (3’23”60), correndo in ultima frazione. Undicesima piazza per l’Endas Cesena (3’37”97) con Simone Campana, Francesco Carlucci, Simone Brunelli e Francesco Castellani.

Edera, staffette “veloci”

Quarto posto dolce-amaro nel giavellotto per Emanuela Casadei (Fratellanza Modena), che con 49.61 si ferma a quasi 6 metri dal bronzo, per il quale non le sarebbe bastato neppure battere il proprio personale. Si migliora sui 400 Anna Spada (Edera Forlì), che corre in 55”23, ma è nona e prima delle eliminate, perché chiude quarta la sua batteria.

Molta attesa sui 100 per Francesco Sansovini dell’Olimpus San Marino, alle prese però con un problema muscolare che ne aveva messo in dubbio la presenza: dopo il sesto crono in qualificazione (10”49 e terza serie vinta), il titano ha “ciccato” la finale chiudendo 8° in 10”69 complice pure un crampo alla partenza.

Bel settimo posto dell’Edera Forlì nella staffetta 4×100 corsa con il tempo di 49”65 grazie ad Anita Giulianini, Spada, Alice Cecchini e Cecilia Amaretti (nona l’Endas Cesena, 50”53), mentre è ottava la formazione maschile in 42”40 con Filippo Fuzzi, Riccardo Fabbri, Nicolò Valgimigli e Andrea Fabbri.

Ostacoli infidi

Peggio del previsto Michele Babini (Endas Cesena), 19° nel martello con un 41.38 lontano dai propri standard e la lughese Valentina Bianchi sui 100 ostacoli (squalificata in batteria), come pure l’imolese Martino Filippone che cade nelle serie dei 110 con barriere. Il disco vede l’11ª piazza di Vittoria Bacchini (Cus Parma, 38.98), la 15ª di Martina Fedriga dell’Edera a 36.34 (anche nona nel peso, 11.40) e soprattutto l’ottava piazza della lughese Francesca Casprini con 41.96. Si migliora leggermente sui 3000 siepi Riccardo Dall’Osso (Sacmi Avis), 11° in 9’40”31 e sfiora il personale di un centimetro la riminese Nicole Romani (Fratellanza Modena) 5ª nell’alto (1.74) vinto da Idea Pieroni con 1.80.

Nei 100 ostacoli 15ª l’ederina Alice Cecchini (15”41, miglioramento di 11 centesimi) e nei 400 ostacoli 11ª la faentina Francesca Amadori (1’03”26, personale di 8 centesimi), stesso piazzamento di Giada Ceccarelli (Endas Cesena) nel martello con 38.34. Qualche rimpianto infine nel decathlon per il riminese Yoro Menghi (Fratellanza Modena), che dopo aver chiuso al 4° posto la prima giornata è 9° alla fine con 5.125 punti, pagando a caro prezzo lo zero nell’asta e a quel punto, il ritiro dai 1500. Per lui 11”43 sui 100 (767 punti), 6.26 nel lungo (644), 11.08 nel peso (551, secondo assoluto), 1.74 nell’alto (577), 51”13 sui 400 (763, 3°), 16”61 sui 110 ostacoli (666), 33.80 nel disco (540, 2°) e 51.91 nel giavellotto dove è il migliore del lotto.

Bene Marta

Ottimo 3° posto nel meeting di Essen, dedicato ai salti, dell’imolese Marta Morara (Atletica Lugo), che eguaglia il personale all’aperto di 1.85. A Conegliano è 6° nel peso il ravennate Gabriele Natali con 16.11.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui