Assolto il turista accusato di “omicidio” a Rimini. Fu una tragica fatalità

RIMINI. È stato assolto con formula piena dall’accusa di omicidio preterintenzionale il turista russo di 59 anni sospettato di aver provocato la morte di un commerciante riminese di 74 anni con una “spinta” (la vittima aveva poi battuto la testa sul marciapiede). Per la Corte d’Assise di Rimini (presidente Sonia Pasini, giudice a latere Raffaella Ceccarelli) il fatto, che risale al 9 agosto 2016, «non costituisce reato». Nel linguaggio giuridico, infatti, manca l’elemento soggettivo: l’imputato, difeso dall’avvocato Sonia Raimondi, in sostanza, non aveva nessuna intenzione di fare del male a nessuno. La morte di Serafino “Fino” Sammarini, 74 anni, al termine di una serie di sfortunate circostanze, fu una tragica fatalità.

I dettagli nel Corriere Romagna in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui