Ashkenazy giovedì 9 a Bologna con Alice Martelli

BOLOGNA. Si conclude con un big del clarinetto internazionale quale è lo svizzero Dimitri Ashkenazy in duo con la pianista bolognese Alice Martelli la lunga stagione 2021 dell’Associazione “Conoscere la Musica Mario Pellegrini”: l’atteso concerto organizzato in collaborazione col Centro San Domenico è in programma giovedì 9 dicembre alle 20.30 al Salone Bolognini del Convento di San Domenico (piazza San Domenico 13), con musiche di Rota, Santoni, Bernstein, Schumann e Poulenc. Classe 1969, figlio del grande pianista e direttore russo Vladimir Ashkenazy, Dimitri Ashkenazy è ormai considerato come uno dei maggiori clarinettisti viventi, con un ricchissimo curriculum in cui si legge che ha iniziato gli studi con Giambattista Sisi ed è immediatamente entrato nel mondo musicale esibendosi con le maggiori orchestre, al fianco di grandi solisti (fra gli altri i pianisti Aleksandar Madzar, Cristina Ortiz, Jeremy Menuhin, Bernd Glemser e Ariane Haering, i violoncellisti Antonio Meneses e Christoph Richter, le cantanti Edita Gruberova e Barbara Bonney, e naturalmente al fianco del fratello Vovka e del padre Vladimir. Amplissima la sua discografia per etichette importanti come Decca, Ondine, Paladino, Dux. Attraverso il suo bel suono e la sua tecnica adamantina, Dimitri Ashkenazy è un musicista dalla carriera fotemente internazionale. Torna ad esibirsi sotto le Due Torri dopo cinque anni dal trionfale concerto al Teatro Manzoni in cui si esibì in trio col padre e con la moglie violista Ada Meinich.

Eccolo ora al fianco della pianista bolognese ma parmigiana di formazione Alice Martelli, anche lei figlia d’arte (il padre è il direttore Alberto Martelli), formata con due grandi maestri quali Roberto Cappello al Conservatorio di Parma e Stefan Vladar all’Università di Vienna. Molto attiva nella musica da camera, Alice Martelli si è esibita al fianco di grandi solisti e quartetti (recentemente il Quartetto Kodaly), essendo reduce fra l’altro da un contratto di molti mesi in musica da camera con Lincoln Center Stage di New York. Il Duo Ashkenazy-Martelli nella calda acustica del Salone Bolognini presenta un denso programma di assoluti capolavori per il clarinetto fra ottocento e novecento: apre l’importante Sonata in re per clarinetto e pianoforte di Nino Rota (1911-1979), nella quale il compositore pugliese si confronta con i grandi del passato nella forma classica, in un mix di sapienza accademica e scatenata fantasia immaginativa, poi lo suggestivo “Miraggi” del compositore anconetano Stefano Santoni (classe 1965) del 2010, tenuto a battesimo dalla stesso Dimitri Ashkenazy nel 2011. Altro brano per clarinetto e pianoforte assai amato dal pubblico ed eseguito è la Sonata di Leonard Bernstein, alla quale Dimitri Ashkenazy e Alice Martelli faranno seguire i celebri Fantasiestücke op. 73 per clarinetto e pianoforte di Robert Schumann e l’altrettanto nota Sonata per clarinetto e pianoforte di Francis Poulenc, con la quale si concluderà in letizia il concerto.

Nel Salone Bolognini del Convento di San Domenico (ingresso in piazza San Domenico 13) saranno disponibili 300 posti a sedere, ma è consigliata la prenotazione del posto via mail o al numero 331 8750957. Biglietti a 10 euro, gratuiti per i minori di 16 anni. La Biglietteria verrà aperta alle ore 19,45 e sarà obbligatorio esibire il green pass. INFO e PRENOTAZIONI – Per ulteriori informazioni e prenotazioni è attiva la mail conoscerelamusica@gmail.com o il numero 331 8750957.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui