Apertura discoteche, Indino: “Da Orlando ok al green pass”

Priorità all’apertura delle discoteche. È la richiesta di Gianni Indino, presidente provinciale della Confcommercio e regionale del Silb che in due giorni ha incontrato i ministri Massimo Garavaglia (turismo) e Andrea Orlando (lavoro). Entro fine mese sarà attivato un tavolo di lavoro ad hoc ed entrambi gli esponenti di governo sono ben disposti con accesso legato al Green pass.

Coast to coast

Indino ha iniziato il suo personale “giro dei ministri” venerdì a Bologna, dove ha visto Garavaglia. Priorità? Intrattenimento e locali da ballo.

Come è andata? «Conosce bene la situazione di difficoltà in cui versano le imprese, costrette a rimanere chiuse nonostante con Green pass e sistemi di sicurezza sanitaria adeguati anche secondo lui (Garavaglia) si sarebbero potute riaprire».

Si è quindi deciso di passare alla fase dei rimedi. «Il ministro ha confermato l’impegno per organizzare già entro la fine di agosto un tavolo di lavoro per discutere di questi temi assieme ai ministri Giorgetti (sviluppo economico), Orlando (lavoro), Speranza (salute) e i rappresentanti del Comitato tecnico scientifico».

Aspettative? «Dovrà ovviamente venire fuori anche una data certa per la riapertura dei locali».

“Avanti Green pass”

E si arriva a ieri con la seconda tappa: Andrea Orlando, ministro del lavoro. Indino ha parlato di locali da ballo? Ovviamente sì. «Bisogna accelerare la ripartenza prima che si debbano raccogliere solamente i cocci. Orlando ha dato immediata adesione al tavolo di lavoro fra istituzioni e imprese e si è augurato di dare un contributo per il riavvio del ballo in sicurezza, con l’utilizzo di strumenti come il Green pass».

“Serve sicurezza”

Il ministro al turismo ieri è stato inoltre protagonista di una sorta di “triathlon” istituzionale fra Meeting, incontri politici, faccia a faccia con le categorie, visita al Museo Fellini con spiegazione del sindaco Andrea Gnassi e (si sappia) in questi casi la versione breve non è neppure da prendere in considerazione.

Comunque Garavaglia ha fatto in tempo a incontrare le associazioni di categoria, oltre al candidato sindaco del centro destra Enzo Ceccarelli («principali punti trattati: sicurezza, politiche fiscali, necessità di riqualificare, potenziamento delle infrastrutture che servono al turismo»).

«Esiste una questione relativa alla sicurezza» ha rimarcato la Confartigianato. Quindi l’aeroporto, la mancanza di personale qualificato, la riduzione dell’Iva nel settore del balneare.

Priorità alla sicurezza anche per la Confesercenti («bande di criminali vengono appositamente in riviera per delinquere»), mentre per quanto riguarda il turismo sono urgenti «riforma fiscale e semplificazione».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui