Andrea Dovizioso, addio Aprilia e chance Yamaha?

Il 28 giugno non è decisamente un buon giorno per Dovizioso… Un anno fa si faceva male ad una spalla partecipando a una gara di cross a Monte Coralli, ieri è arrivata la quasi certezza che non sarà il secondo pilota ufficiale Aprilia nel 2022. Ma il forlivese potrebbe andare alla Yamaha. Dovizioso ha tergiversato tanto durante la corte che gli è stata fatta dai vertici della casa italiana che sembrano essere ora orientati a chiudere con Maverick Viñales. Ad Assen la prima voce: lo spagnolo vuole rescindere con un anno di anticipo il contratto con Yamaha e accasarsi in Aprilia. Ieri la prima conferma: è arrivata la nota ufficiale della casa nipponica e del pilota che confermano il divorzio. «Si vociferava di questo annuncio già da domenica – si legge su motogp.com – Il fatto che la notizia ora sia ufficiale, apre la strada di Aprilia a Viñales per il 2022. Dopo essere arrivato ultimo al Gp di Germania, il rapporto si è chiaramente incrinato. Nemmeno il secondo posto di Assen ha salvato il matrimonio e Viñales è sicuramente orientato verso Aprilia per la prossima stagione». Per il team tricolore si tratterà di una coppia di piloti tutta spagnola, vista l’ovvia conferma di Aleix Espargaro che sta facendo benissimo ed ha un biennale.

Dovizioso potrebbe diventare collaudatore o potrebbe essere confermato in questo ruolo Lorenzo Savadori. Per Andrea, se lo vorrà e lui ed il manager Simone Battistella non saranno esosi, potrebbero aprirsi le porte della Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso, come merita, nel team ufficiale, ci sarà spazio nel Petronas, dove dovrebbe saltare anche Valentino Rossi. Il forlivese, affiancato ad un pilota giovane, garantirebbe risultati e podi. Dovizioso ha già corso nel team satellite Yamaha nel 2012, allora era il Tech 3 adesso con Ktm, centrando 5 podi ed il 4° posto assoluto nel Mondiale. Adesso vanno di moda i piloti giovani, ma quelli buoni in Moto2 sono tutti impegnati: Gardner ha firmato con Ktm Tech 3, Raul Fernandez pare blindatissimo sempre da Ktm, Di Giannantonio passa alla Ducati, e Bezzecchi potrebbe essere nel Vr46 MotoGp. Certo, la squadra di Valentino, potrebbe lasciare Marco ancora in Moto2 per un anno, insieme magari ad Acosta su cui si stanno buttando un po’ tutti, per fare il salto nel 2023, schierando per un ultimo anno Rossi che garantirebbe visibilità al progetto. Ci sarebbe la pista Superbike, dove Yamaha ha in casa due nomi interessanti: Razgatioglu, che vuole vincere il mondiale e potrebbe riuscirci, e Gerloff, che è statunitense e questo a Dorna piace e che ha impressionato positivamente come sostituto di Morbidelli.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui