Andrea Amati in “Attenti al gorilla” a Longiano

Attenzione, un gorilla in libertà canta a gran voce; si può ascoltare stasera alle 21.30 sulla piazza Malatestiana di Longiano per “Serate d’autore” in collaborazione con la Falegnameria. Chi non può esserci può rifarsi venerdì 18 giugno alle 21, nell’anfiteatro del parco La Stradella di Montegiardino, a San Marino, dove questo animale sociale replica la sua ossessione di «togliersi la verginità scegliendo un giudice con la toga».

Il “gorilla” in questione è visibile ovviamente solo metaforicamente nel brano omonimo di Fabrizio De André, a sua volta ispirato a “Le gorille” di Georges Brassens. È solo uno dei pezzi che Andrea Amati, cantautore riminese, fa rivivere nei suoi concerti estivi «a km 0 per la Romagna», dal titolo “Attenti al gorilla. Fabrizio De André come non l’avete mai sentito”.

«L’idea – fa sapere Amati – è di riproporre un artista così inarrivabile quale è stato De André rispettando sì i suoi testi, ma ricreandoli attraverso una ricerca in grado pure di riflettere il nostro animo, i nostri gusti, il nostro sentire. Anche per sdrammatizzarlo. Ci prendiamo pertanto libertà musicali negli arrangiamenti e nell’impronta vocale insieme a una band nutrita, sul palco siamo in sei».

Dopo tanto silenzio musicale, Amati aveva desiderio di ripartire nell’estate con concerti dal vivo dalle sonorità piene, esaltate, oltre che dalla sua voce, dalle chitarre di Massimo Marches, batteria di Pasquale Montuori, basso di Francesco Preziosi, tastiere di Stefano Zambardino e dalla new entry Andrea Costa al violino.

«Senza De André non avrei neppure cominciato a cantare, ho iniziato proprio con le sue canzoni, portando poi avanti anche un mio percorso autorale. “Attenti al gorilla” valorizza una scelta basata sul repertorio più graffiante e ironico dell’artista italiano attraverso una ventina di pezzi, dai classici “Bocca di rosa”, “Il pescatore”, “Volta la carta”, a “Il bombarolo”, “Un matto”, “Un giudice” e appunto “Il gorilla”.

«Vogliamo unire un repertorio bello a godibile divertimento».

Nel frattempo il cantautore lavora al suo nuovo progetto discografico atteso nel 2022. «Sarà un disco in cammino – annuncia Andrea – un paio di estati fa ho fatto il Cammino di Santiago con colei che è diventata mia moglie. Sarà pertanto un disco da spazi aperti con melodie, che mi rappresenterà, molto interiore».

Fra luglio e agosto “Attenti al gorilla” arriverà pure a San Martino dei Mulini, parco ex Tre Stelle, al Castello di Ribano e al chiosco Savelli di Cesena.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui