Un’altra notte di follia: vandalismi senza senso contro proprietà pubbliche e private in due Comuni.

Presi di mira cassonetti, arredi, una decina di auto parcheggiate danneggiate con la vernice e distrutto un semaforo a chiamata.

Episodi che da alcune settimane sembrano imperversare tra Gambettola e Budrio di Longiano, con capatine anche nella vicina Bulgaria di Cesena.

A Gambettoladanneggiamenti alle auto parcheggiate lungo la via Matteotti. Sono una decina le auto che sono state sfregiate con una vernice verdolina nella carrozzeria o nei vetri, facendo infuriare al mattino i legittimi proprietari vittime di questo vandalismo. Di solito una riga fatta con la vernice spray sul cofano o sulla fiancata laterale e spesso su auto abbastanza nuove. In un altro caso è stato spaccato uno specchietto laterale di un’auto parcheggiata sotto casa. Poi in via Antonio Zoffoli, dopo il sottopasso ferroviario, il semaforo pedonale a chiamata è stato frantumato, sia il vetro sia il braccio di sostegno.

Danni anche a Budrio di Longiano dovesi sono ripetuti gli stessi danneggiamenti causati nella notte di Halloween. Sono stati divelti cestini e arredi in aree verdi, è stato lanciato un cassonetto dei rifiuti nel fiume, è stato divelto anche lo sportello di entrata al bacino di laminazione. Altri danni vengono riferiti anche a Bulgaria di Cesena, ma nelle serate antecedenti.

Cresce la preoccupazione dei residenti che non si sentono più sicuri, mentre aumenta la rabbia dei danneggiati che devono mettere mano al portafoglio per riparare i danni subiti. Da Budrio inoltre arriva anche la conferma che i reati sono doppi: dalle registrazioni delle telecamere sembra che i movimenti dei giovani distruttori siano avvenuti dopo la mezzanotte. Quindi in un orario in cui non potevano essere in giro, tantomeno a fare dei danni. Infatti come noto sono vietati gli spostamenti dopo le 22 senza giustificato motivo e fare il vandalo non può certo rientrare in una autocertificazione.

Argomenti:

automobili

parco

vandali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *