Anche l’Irst di Meldola negli Usa con la delegazione dell’Emilia-Romagna

L’Irst di Meldola protagonista della delegazione regionale in partenza per gli Usa. Big Data e intelligenza artificiale, agricoltura 4.0, agroalimentare e scienze della vita, biotecnologie, automotive. Al via una nuova missione istituzionale della Regione Emilia-Romagna negli Stati Uniti, guidata dal presidente Stefano Bonaccini: un ponte oltre oceano, per avviare una serie di collaborazioni in alcuni settori strategici, confermandosi sempre più polo internazionale della ricerca scientifica e tecnologica e punta avanzata del sistema Italia negli Usa.

New York, Boston, Washington, Philadelphia le tappe, per una fitta agenda di incontri e iniziative che dal 12 al 17 giugno permetteranno di promuovere il sistema regionale dell’innovazione e sostenere le opportunità di collaborazione e investimenti per le imprese in un’area di grande interesse per l’Emilia-Romagna come gli Stati Uniti. Nel 2021 gli Usa sono stati la seconda destinazione dell’export emiliano-romagnolo con un valore di 8 miliardi di euro.

Tra gli appuntamenti più importanti, l’accordo di collaborazione tra Regione Emilia-Romagna e Stato della PennsylvaniaL’incontro a Washington con il ministro federale all’Agricoltura, Tom Vilsack, quelli a Boston con la sindaca Michelle Wu e con la vicegovernatrice del Massachusetts, Karyn Polito. Oltre alla firma di una collaborazione con Greenlight Biosciences sui temi dell’agricoltura sostenibile, incontri con star-up e centri di ricerca universitari, fra cui il MIT Senseable City Lab, laboratorio digitale collegato al MIT di Boston, e la partecipazione al Summer Fancy Food Show a New York, fra le più importanti fiere dell’agrifood del Nord America.
A New York l’incontro con la comunità degli emiliano-romagnoli.

La delegazione

Insieme al presidente della Regione, Alessio Mammi, assessore regionale all’Agricoltura e agroalimentare.
Presente l’Assemblea legislativa, con la presidente Emma Petitti, il presidente e la vicepresidente della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo, rispettivamente Marco Fabbri e Valentina Stragliati, Nella delegazione vi sono poi le Università di BolognaModena e Reggio Emilia, Parmal’Istituto romagnolo per lo studio dei tumori “Dino Amadori” di Meldola, numerose aziendeUnioncamere regionale, il Centro servizi ortofrutticoli di Ferrara, il Consorzio UnaPera e Ri.Nova, il polo regionale dell’innovazione agroalimentare, i Consorzi di valorizzazione dei prodotti tipici dell’Emilia-Romagna. Oltre ad Art-Er, la società in house della Regione che associa tutte le università e i centri di ricerca nazionali presenti sul territorio regionale e al Clust-Er Salute, che riunisce imprese, laboratori della Rete Alta Tecnologia, centri di ricerca, strutture sanitarie ed enti di formazione nel settore della salute.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui