Altre “stanze degli abbracci” a Castel Bolognese e Solarolo

Altre due “stanze degli abbracci” nel Faentino. E’ quanto messo in campo dall’Asp della Romagna faentina nelle strutture residenziali per anziani di Castel Bolognese e Solarolo. Un’iniziativa che è stata messa a punto poco prima di Natale, e che permette ai parenti degli ospiti di mantenere la possibilità di avvicinare fisicamente i propri cari. «E’ stata l’occasione per poter recuperare quel contatto fisico – spiega il direttore dell’Asp della Romagna faentina, Giuseppe Neri – che anche col filtro di una tenda di plastica ha comunque un valore enorme, che è l’elemento che più è mancato nei mesi di chiusura obbligata delle strutture, e che telefonate e videochiamate, peraltro sempre garantire ed effettuate, non possono comunque sostituire». Un segnale positivo di speranza non isolato perché in questi giorni si è completato anche la campagna vaccinale nelle strutture di Solarolo (6 febbraio), Fognano (6 febbraio) e Castel Bolognese (9 febbraio), che permette di avere tutti gli ospiti e gli operatori coperti dal vaccino e che consente di continuare a convivere col virus con la massima attenzione e in condizioni di massima sicurezza, come peraltro «stiamo facendo ormai da un anno», ma con un pizzico di serenità in più ogni giorno.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui