Alluvione del 2015 in Valmarecchia, tecnici accusati di inondazione

RIMINI. Compariranno nei prossimi davanti al giudice del Tribunale di Rimini i sei imputati coinvolti nell’inchiesta sull’alluvione che tra il 5 e il 6 febbraio 2015 colpì una fetta consistente del territorio riminese e in particolare i territori comunali di Santarcangelo e Bellaria Igea Marina. La procura di Rimini ha chiesto da tempo il rinvio a giudizio per la gran parte dei fatti contestati alla fine delle indagini. A più di quattro anni da quell’ondata di maltempo che mise perfino a rischio la vita di alcuni cittadini sommersi dall’acqua mentre si trovavano in casa rischiano il processo, tra gli altri, gli ingegneri e funzionari regionali Mauro Vannoni, responsabile del servizio sicurezza del territorio e protezione civile e Fiorenzo Bertozzi (Servizio Area Romagna). Stralciata la parte riguardante quanto accaduto a Santarcangelo (preludio a una richiesta di archiviazione) sono chiamati a rispondere di inondazione colposa per l’esondazione della sponda sinistra dell’Uso a Bellaria.

L’articolo nell’edizione di oggi del Corriere Romagna

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui