Alessandro Votta nuovo presidente Fiepet Confesercenti di Cesena

Si è tenuta presso la Confesercenti di Cesena la riunione del direttivo della Fiepet Confesercenti sede di Cesena, espressione dei pubblici esercizi associati.
L’incontro è stato introdotto dal direttore della Confesercenti Cesena e Ravenna, Graziano Gozi. <È importante avere un gruppo di lavoro espressione della categoria – afferma Gozi – perché rappresenta e fa capire le esigenze di bar e ristoranti da parte di chi si misura con questo lavoro nella quotidianità. Sarà un punto di forza nel lavoro che svolgeremo con gli Enti Locali. Un gruppo che esprime imprenditori di eccellenza nel settore ed è riferimento sia del centro che dei quartieri>.
Durante la riunione sono stati toccati diversi temi dalla Tari, al suolo pubblico, per finire con la problematica dell’ordine pubblico. Tutto il Direttivo chiederà di incontrare al più presto il sindaco Enzo Lattuca e l’assessore Luca Ferrini per cercare di portare avanti, insieme, tutti i temi spinosi che affliggono la categoria, alle prese con la pandemia che sta mettendo a dura prova la resistenza delle imprese.


Alla riunione hanno partecipato numerosi associati ed è stato eletto il nuovo direttivo di cui fanno parte: Alessandro Votta (Safe & Sound), Rocco Angarola (osteria Michiletta), Paolo Santandrea (America Graffiti Cesena), Matteo Cieri (Bar Amor), Andrea Franceschini (Pizzeria la Rocca), Antonio Canali (Ristorante Cibus), Raffaello Amadori (Osteria dell’Eremo), Leonardo Di Donna (Il Caffeina), Graziella Dallara (ristorante Cerina), Alessandro Buttarelli (Mastrobirraio), Luciano Pistocchi (Bar Tiffany), Simone Rosetti (Vineria del Popolo). Presenti, inoltre, il coordinatore Fiepet Confesercenti, Davide Ricci, e il responsabile affari generali dell’Associazione, Angelo Spanò. Eletto nuovo presidente il giovane imprenditore Alessandro Votta, che affianca Silvia Bragagni, presidente comprensoriale della categoria.
Il neo presidente dichiara <Ho aperto una nuova attività di ristorazione, bar in centro a Cesena, a fianco del Teatro Bonci, nel 2019, perché credevo e credo che Cesena sia una città che da molte possibilità. Chiaramente noi, come tutti i colleghi, abbiamo subito le chiusure correlate al Covid, le difficoltà e la diminuzione del fatturato durante tutto il 2020 ed inizio di questo 2021. Credo che ragionare insieme come categoria sia un valore aggiunto e un punto di forza per le nostre rivendicazioni. Penso si possa riuscire a portare avanti le nostre idee per cercare di uscire tutti insieme da questa difficile situazione>.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui