Addio vecchio contatore del gas: quello hi-tech scova i terremoti

Addio contatore del gas “vecchia maniera”.

Sono già realtà quelli “4.0” che permettono di rispettare l’ambiente e di rendere più sicura la vita di tutti i giorni. Si chiamano NexMeter, e sono dispositivi intelligenti messi a disposizione dal gruppo Hera che, tra tutte le sue utenze civili, ha già sostituito 20.000 contatori e per il 2021 punta a cambiarne altri 85.000, fino a raggiungere l’obiettivo di 300.000, prediligendo tra i territori gestiti quelli che hanno un maggiore rischio sismico.

Infatti, il cambio è partito dalle Province di Modena e Ferrara per poi passare anche in Romagna. È un prodotto particolarmente avanzato che consente di intercettare in tempo reale le scosse in caso di eventi sismici, sospendendo l’erogazione del gas. Qualora si verifichino scosse telluriche di intensità percettibile, l’intercettazione mirata e puntuale delle utenze eventualmente danneggiate o potenzialmente in pericolo consente di mantenere in servizio le reti ancora idonee, senza doverne necessariamente disalimentare intere porzioni, riducendo i successivi tempi di ripristino del regolare servizio.

NexMeter, oltre alla chiusura dell’elettrovalvola, comunica immediatamente con il telecontrollo centralizzato del Gruppo a Forlì, che monitora in tempo reale reti e impianti della multiutility su tutto il territorio. A sua volta il telecontrollo, se dispone di un recapito certo dell’utente, provvede a inviargli una segnalazione di allerta. Le funzionalità antisismiche assicurate da NexMeter prendono spunto sia dagli avvenimenti sismici accaduti nei territori serviti da Hera, sia dalle esperienze sviluppate in Giappone e in California, Paesi che proprio per il loro rischio sismico hanno messo a punto strumenti all’avanguardia per il contenimento dei danni e per la tutela della popolazione. Proprio in virtù delle sue funzionalità avanzate. Le sue caratteristiche si inseriscono nelle linee d’intervento identificate nel quadro strategico 2019-2021 dell’Arera, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente. Il nuovo contatore è anche un alleato green per dare un taglio alla spesa per i consumi. Grazie alla capacità di intercettare e segnalare agli utenti anche le piccole fughe di gas, NexMeter aiuta infatti a contenere i costi in bolletta. Determina, inoltre, benefici sull’ambiente, promuovendo un uso intelligente dell’energia e favorendo un uso razionale delle risorse. L’eliminazione delle perdite, infatti, riduce in parallelo le dispersioni di metano, a loro volta altamente inquinanti, mentre l’intero processo di ottimizzazione della gestione della rete gas incide positivamente sul rendimento e sulle emissioni degli apparecchi utilizzatori, a partire dalle caldaie.

NexMeter (oltre ad essere completamente compatibile con tutti i tipi di reti e impianti) è già predisposto anche per i sistemi del futuro a “clean gas”, come il biometano. Da una stima delle fughe nello scenario italiano, che tiene conto delle caratteristiche di vetustà del patrimonio edilizio e del parco impianti e della capillarità dell’utilizzo del gas naturale, in linea teorica, una stima basata su esperienze di letteratura internazionali indica che utilizzando NexMeter (o apparati similari) su tutto il parco contatori italiano, si eviterebbe la fuoriuscita in atmosfera di circa: 17.690 tonnellate di metano l’anno, ovvero 26.000.000 standard per metro cubo ogni anno, a cui corrispondono 495.320 tonnellate di anidride carbonica immesse in atmosfera.

«È con iniziative come questa che il Gruppo Hera realizza la propria missione, rispondendo già oggi con la tecnologia del futuro ai bisogni di sicurezza e qualità dei cittadini e del territorio – afferma Alessandro Baroncini, Direttore Centrale Reti del Gruppo Hera – Tutto questo, senza prescindere mai dall’attenzione all’ambiente: il nostro contatore promuove infatti un uso intelligente dell’energia e un uso efficiente delle risorse, che rappresentano proprio due dei driver in cui il Gruppo Hera ha fissato il proprio impegno per la sostenibilità».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui