Addio alla maestra Lina Dal Re. Istruì generazioni di ravennati

Per generazioni e generazioni di bambini del quartiere di Viale Randi e della Strada Bassa, ora tutti dai 35 anni in su, è stata semplicemente la Maestra. Se n’è andata a 91 anni Lina Dal Re, all’anagrafe Adele Sintoni, per lunghi anni docente alla scuola elementare Vincenzo Randi. Il flusso oggi dei suoi ex alunni nel farle visita è stato incessante, essendo stata un’insegnante in grado di lasciare un ricordo indelebile. Era riconosciuta per essere tanto severa, soprattutto sui rudimenti fondamentali della grammatica e della matematica, quanto affettuosa con i suoi bimbi. Non accadeva raramente infatti, in caso di qualche problema di salute di un bambino della sua “covata”, che aprisse la porta di casa per una ripetizione in giardino, coloratissimo dai ciclamini che curava con grande arguzia. La maestra Dal Re era poi nota per trovare sempre modi originali per aprire la scuola ad attività supplementari ed in questo aveva trovato la complicità di un altro grande protagonista della pedagogia ravennate dei decenni scorsi. Alla Randi infatti il direttore era Lino Ricci, ed era lui ad accondiscendere alle numerose uscite didattiche e all’organizzazione di recite, per le quali la Lina si prendeva la responsabilità di molteplici “prove pomeridiane”, veri e propri laboratori improvvisati con cui passava agli allievi l’enorme amore per il teatro che la contraddistingueva. Altra grande passione della Dal Re era la Divina Commedia. Non passava ciclo scolastico senza che ogni allievo avesse modo di imparare almeno i primi tre canti dell’Opera di Dante e avesse contezza della struttura del poema del Sommo. La cultura alta e quella contadina: negli ultimi anni d’insegnamento infatti si era resa conto di come i bambini andassero perdendo la consapevolezza del ciclo della vita e del suo legame con la terra. E quindi convinse Ricci a portare una gallina nel cortile della Randi, che anche qui lasciò spazio alla creatività pedagogica della Lina. Che era di nascita Sintoni, ma che amava anche a scuola farsi chiamare Dal Re, per il profondo legame che aveva con Lucio, suo marito, dirigente delle Poste e colonna del Circolo Mameli finché rimase in vita. I funerali si terranno giovedì alle 8:45, partendo dalla camera mortuaria verso San Rocco, dove alle 9 si terrà la messa.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui