BAGNACAVALLO. Può un piccolo festival esser così grande? Se volere è potere, qui le forze in campo l’hanno voluto sin dall’inizio, riuscendo a farlo conoscere al di là dei confini territoriali. Ritorna dunque il Bagnacavallo festival, promosso dall’associazione culturale Controsenso col supporto del Comune.

«Come sempre, verranno proposti appuntamenti culturali di musica, spettacolo, immagini e parole – ha spiegato ieri mattina l’assessora alla Cultura Monica Poletti nella presentazione –; un festival pensato per chi resta in città nel mese di agosto e per chi intende recarsi a Bagnacavallo dai luoghi di vacanza».
Una rassegna certamente di nicchia ma che richiama un pubblico eclettico in cerca di qualcosa da assaporare intimamente.
L’emergenza sanitaria stava per debellare anche questo appuntamento, invece agli organizzatori è bastato ripensarlo per offrirlo in sicurezza.
«Niente più giardini e cortili privati degli scorsi anni come location, questa nona edizione si sposta al chiostro dell’ex convento di San Francesco – spiega il direttore artistico Michele Antonellini –; perderà forse quel tocco di nomadismo ma la nuova cornice stupirà».
Potranno accedervi quasi 200 spettatori ogni volta, ovviamente prenotando i posti.
Durante il mese di agosto, dalle ore 21, otto eventi: mercoledì 5 l’inaugurazione con Tafelmusik: Concerti, Triosonate e Quartetti su musiche di Georg Philipp Telemann con l’Accademia del Ricercare, mentre sabato 8 si passerà al Teatro del Drago con Il rapimento del Principe Carlo, spettacolo di burattini tradizionali di e con Mauro e Andrea Monticelli.
Si tornerà alla musica giovedì 13 con il Roberto Bartoli Landscapes Trio e il concerto di presentazione del nuovo lavoro discografico.

Il teatro di figura sarà ancora protagonista giovedì 20 con il Teatro dei Piedi in C’era una volta un piede, spettacolo di e con Veronica Gonzalez. L’artista argentina è famosa per la sua eleganza e fantasia nel proporre spettacoli con questi arti.

Martedì 25, l’immortale Odissea di Omero verrà raccontata da alcuni suoi personaggi attraverso un concept album della cantante bolognese Eloisa Atti.

Effervescenza, buone musiche e tante risate saranno assicurate venerdì 28 dallo spettacolo Sorrisi & Canzoni con Maria Pia Timo e Vittorio Bonetti.

Per il gran finale si passerà al primo giorno di settembre, con la collaudatissima coppia Gianni e Paolo Parmiani in FricanDoremi… tascabile: la parte musicale del loro iconico spettacolo.

Inoltre, per la prima volta quest’anno verranno proposte tre videoproiezioni in Piazza della Libertà, nella torre civica, per fare entrare virtualmente le persone in luoghi mai o quasi mai visti da molti: l’orto dell’ex convento di San Giovanni, Palazzo Galegati e lo Sferisterio comunale. Mercoledì 12 e 19 agosto oltre a giovedì 27 agosto (dalle 21.30 alle 23) sono le date degli appuntamenti in cui per Memorie nascoste ci saranno le narrazioni di Mario “Maginot” Mazzotti accompagnate da video e contributi musicali.
Al Bagnacavallo festival contribuiscono Regione Emilia-Romagna e Pro Loco Bagnacavallo.
L’ingresso a tutti gli spettacoli è a offerta libera mentre la visione delle proiezioni in piazza è gratuita.
Prenotazioni consigliate 348 694014

Argomenti:

BAGNACAVALLO

festival

teatro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *