Acqua, a Imola Hera esclude per ora il rischio razionamento

Nonostante la pioggia caduta giovedì, la siccità continua a picchiare duro. Già da sue settimane, le ordinanze dei primi cittadini di Imola, Castel San Pietro e Medicina hanno già limitato il prelievo di acqua potabile per utilizzi domestici. Per il momento, però, Hera esclude il rischio di razionamento per il Circondario. E anche per usi industriali.

«L’approvvigionamento idrico nei comuni in gestione al gruppo nel territorio emiliano è, al momento, sotto controllo – fa sapere la multiutility –. I tecnici del gruppo stanno continuamente monitorando l’evolversi della situazione, che riguarda l’intera regione, con squadre pronte ad intervenire con autobotti se necessario».

Bubano serve otto Comuni

Imola e il Circondario «sono serviti da una serie di acquedotti indipendenti, fra cui il principale è quello a servizio del capoluogo – entra nei particolari Hera –. L’alimentazione di questi sistemi avviene attraverso acqua di falda o superficiale, oltre ad alcune importanti interconnessioni con altri acquedotti in gestione al gruppo, come quello del Sistema primario bolognese».

E «merita particolare attenzione un importante approvvigionamento di tipo superficiale dei laghi di Bubano, bacini in cui vengono accumulati volumi idrici derivanti dal fiume Santerno e dal Canale emiliano-romagnolo – aggiunge –. Da solo è in grado di soddisfare la richiesta di 8 comuni, producendo circa 8,2 milioni di metri cubi. I bacini rappresentano un’importante riserva che consente di fronteggiare periodi di siccità. Tale sistema ha grande capacità di stoccaggio, tale da offrire la piena soddisfazione delle richieste del territorio servito».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui