Rimini, accusato di stupro a una diciottenne al parcheggio della Baia Imperiale: giudice lo manda in carcere

Niente arresti domiciliari per il 35enne veneziano accusato d’aver picchiato e violentato venerdì scorso una turista 18enne nel parcheggio della Baia Imperiale. Il Gip del Tribunale di Pesaro, infatti, ha inasprito il provvedimento del collega di Rimini che aveva “optato” per i domiciliari con braccialetto elettronico per il presunto stupratore e ha riformato la precedente decisione, stabilendo che venisse subito trasferito in carcere.

Il fatto

Il presunto stupro sarebbe stato consumato nella notte a cavallo tra giovedì e venerdì della scorsa settimana. Secondo la ricostruzione fornita agli inquirenti, la giovane turista lombarda si trovava con la sua compagnia di amici nella discoteca Baia Imperiale, a Gabicce. E lì ha reincontrato il 35enne, anche lui turista, ma veneto, conosciuto alcune sere prima in un altro locale della Riviera.

I due, dopo avere passato qualche ora insieme all’interno del locale, attorno alle 2 hanno deciso di prendere la via del ritorno verso i rispettivi alberghi, entrambi a Riccione. La ragazza ha raccontato d’avere così accettato un passaggio dall’uomo arrivato a Gabicce in auto. Una volta però entrati dentro il mezzo, parcheggiato all’esterno dalla discoteca, la 18enne sarebbe stata picchiata e stuprata. L’uomo infatti in brevissimo tempo avrebbe cambiato atteggiamento e da amichevole e premuroso sarebbe diventato violento.

Rintracciato in albergo

Un racconto che ha fatto poco dopo alla polizia di Rimini. La giovane vacanziera, una volta raggiunto sotto choc il suo hotel – dove tra l’altro alla fine sarebbe stata portata dal suo presunto stupratore – è stata in seguito condotta all’ospedale da amici: qui i medici le hanno dato 45 giorni di prognosi ma vista la situazione hanno allertato la Questura di Rimini. Gli investigatori della Squadra mobile hanno subito ascoltato la ragazza e sono risaliti all’identità del 35enne, che è stato rintracciato sabato pomeriggio, mentre stava per lasciare Riccione per proseguire la vacanza in Salento. L’uomo è stato quindi sottoposto a fermo. E una volta ascoltato, per la convalida, ha spiegato la propria versione dei fatti, sostenendo che «non c’è stata alcuna violenza, la ragazza era consenziente».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui