Accordo da dieci milioni per lavori in quattro scuole ravennati

RAVENNA – Un accordo da quasi dieci milioni di euro per la provincia di Ravenna con la Cassa depositi e prestiti allo scopo di riqualificare quattro scuole del territorio. Dal punto di vista puramente funzionale, il progetto più importante riguarda i lavori di ampliamento del “Morigia” di Ravenna, l’istituto tecnico commerciale, e della vicina succursale dello Scientifico “Oriani”: obiettivo è realizzare una nuova palestra e laboratori polifunzionali per una didattica più innovativa. La necessità di più spazi dedicati all’attività fisica è dovuta anche all’attivazione dell’indirizzo sportivo.

Proprio a questo scopo la Provincia ha da poco stipulato un accordo con la vicina parrocchia San Paolo per la struttura denominata “Palaleo” che sarà messa a disposizione dalla curia per tre mattinate. Una convenzione che sarà d’aiuto per ora alla didattica ma la Provincia vuole intervenire strutturalmente con un progetto valutato in 2,9 milioni di euro. La convenzione con la Cdp, la cui missione istituzionale è quella di promuovere lo sviluppo economico e sociale del paese attraverso il sostegno finanziario alle comunità e agli enti territoriali, avrà durata 36 mesi. Gli altri interventi per cui ci sarà il finanziamento sono fondamentali per la sicurezza degli studenti.

Si tratta infatti di lavori di adeguamento alle norme sismiche all’istituto tecnico professionale “Bucci” di Faenza (dal valore di tre milioni di euro) e, sempre nella città Manfreda, al liceo Torricelli (1,4 milioni di euro). Interventi di miglioramento sismico anche al polo tecnico professionale “Stoppa” di Lugo. Si tratta dell’intervento economicamente più importante, stimato in 3,1 milioni di euro.


Quelli finanziati dalla Cassa Deposito e Prestiti non sono gli unici interventi negli istituti superiori del territorio. Un altro, che pare molto corposo, è in programma al liceo artistico Nervi-Severini. Da progetto si tratta di lavori per 1,2 milioni che ha come obiettivo la realizzazione di nuovi laboratori al secondo piano
dell’edificio di via Tombesi dall’Ova che ospita la sede del liceo, in potenziamento dei locali attualmente funzionanti, e prevede tutte le opere di natura edile, strutturale, impiantistica (sia elettriche che meccaniche)
e di finitura necessarie a dare i locali pienamente fruibili in sicurezza. Si tratta di lavori che hanno interessato, dal punto di vista progettuale, diversi professionisti per via della loro complessità. Infine, è stata aperta in questi giorni la gara per la sostituzione degli infissi all’Itis “Baldini” di Ravenna e al “Torricelli-Ballardini” di Faenza. Un bando dall’importo complessivo di 775mila euro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui