Rimini, accoltellato dopo una lite, lotta ancora tra la vita e la morte

Ridotto in fin di vita per una parola di troppo, uno sguardo storto. Sono i “futili motivi”, come recita il codice penale, che dalle prime ore della notte scorsa costringono in un letto della Rianimazione del Bufalini di Cesena, dove sta lottando tra la vita e la morte dopo un delicato intervento chirurgico, un 38enne di nazionalità marocchina, residente a Rimini, in regola con il permesso di soggiorno, accoltellato da uno o più sconosciuti dopo una lite scoppiata nella zona sempre più calda di Bellariva. Feriti con lui, fortunatamente per loro in modo molto più lieve, due connazionali che dopo le medicazioni del caso, al pronto soccorso dell’Infermi, hanno potuto far ritorno a casa. E proprio dall’ospedale è partita l’indagine che dall’altra notte sta tenendo impegnata la Squadra mobile della Questura.

Le due erano passate da una manciata di minuti, infatti, quando i tre amici hanno messo piede nell’atrio della portineria, credendo presumibilmente che quello fosse l’ingresso principale del pronto soccorso. Non appena i soccorritori sono stati informati di cosa era successo, è stata avvertita la Polizia. E le indagini sono scattate. La Scientifica è stata inviata subito nella zona di Bellariva dove il ferimento sarebbe andato in scena. Il condizionale è d’obbligo perché il riserbo attorno all’indagine è massimo. Ufficialmente al momento, quindi, non è neppure confermata la circostanza che il triplice ferimento, sia stato l’atto conclusivo di un violento battibecco trasformatosi ben presto in scazzottata andata in scena davanti ad un locale di via Fano; rissa che ha costretto chi stava dietro al banco a chiedere aiuto al 112, numero unico emergenze. Quando sul posto è arrivata una pattuglia del Nucleo Radiomobile dei carabinieri, però, dei contendenti non c’era più nessuna traccia. Sicuramente informazioni importanti sono state fornite dai due amici a lungo ascoltati dagli investigatori della Squadra mobile.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui