“Aboliamo la caccia”: i comitati si mobilitano. Ecco come firmare per il referendum

C’è tempo fino al 20 ottobre per dire no alla caccia. Basta una firma per aderire alla proposta del “Comitato referendum sì aboliamo la caccia”. L’obiettivo è portare all’istituzione del referendum per l’abrogazione della caccia vietando l’attività venatoria su tutto il territorio nazionale. E’ possibile aderire all’iniziativa deponendo la propria firma.


Gli obiettivi


La proposta referendaria si pone tre obiettivi: vietare la caccia sul territorio nazionale, vietare ai cacciatori l’accesso ai fondi privati e ricondurre inoltre l’uccisione di animali al rango di reato penale. Se la raccolta raggiungerà la soglia di 500mila firme autenticate, nel 2022 gli italiani potrebbero essere chiamati ad esprimersi su questo importante tema e confinare le doppiette dei cacciatori nelle loro fondine. «Il nostro obiettivo – spiega il Comitato promotore – è quello di abolire definitivamente la caccia e non accettare restrizioni che continuerebbero a legalizzare questa brutale pratica. Un passo indispensabile per una reale evoluzione del progresso morale, civile e sociale della nostra comunità, per educare i giovani e le famiglie a contrastare ogni tipo di violenza, per impedire ad alcune migliaia di cacciatori di potersi sentire liberi di uccidere, di circolare in territori privati, di strumentalizzare uccelli in gabbia per attirare i loro simili e fucilarli».


La partecipazione


Tre sono le modalità per aderire. Firmando nell’ufficio elettorale del comune, firmando online collegandosi al sito www.referendumsiaboliamolacaccia.it/firma-digitale/ oppure raggiungendo i banchetti tenuti dai volontari organizzati nelle varie città.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui