A Sogliano salta la fiera del formaggio di fossa e vendite a -70%

Salta la Fiera del formaggio di fossa, atteso crollo delle vendite del 70%, ma gli infossatori resistono, incrociano le dita che tenga la “zona gialla” e si attrezzano per le consegne a domicilio.

Il Covid-19 ha fatto l’ennesima vittima illustre: anche la Fiera del formaggio di fossa è costretta ad alzare ufficialmente bandiera bianca. A Sogliano e dintorni oramai si temeva il peggio e puntualmente è arrivata la conferma dell’annullo definitivo della manifestazione principe dei buongustai. A Sogliano il Fossa dop è una produzione tipica di eccellenza, che coinvolge tutto il territorio e ha un’importanza vitale per l’economia, in quanto i produttori a Sogliano si avvalgono di vari collaboratori e dipendenti. Con la pandemia il giro d’affari delle vendite di formaggio di Fossa è destinato a ridursi a un terzo. Senza la ristorazione e l’annullo di tutte le fiere la vendita del prodotto subisce una forte battuta d’arresto.

«Le vendite del settore si presume si riducano del 70% – afferma Marino Brandinelli che gestisce una delle fosse più importanti a Sogliano e che da alcuni anni teneva a battesimo anche l’apertura della Fossa della tradizione – Noi per fortuna abbiamo mantenuto la nostra clientela affezionata e resisteremo comunque. Oltre all’esercizio in corso ci aspettiamo conseguenze anche per quello dell’anno prossimo. Anche senza fiera resteremo aperti e pronti ad accogliere gli acquirenti. Speriamo piuttosto che la nostra Regione non passi da gialla ad arancione e si blocchino i viaggi». «Abbiamo continuato a vendere il nostro prodotto – aggiunge Gianfranco Rossini delle Antiche fosse malatestiane – In questi giorni chi aveva messo il formaggio nelle nostre fosse è venuto a ritirarlo, mentre i nostri quantitativi vengono venduti ai clienti affezionati. In generale si ritiene che il giro d’affari possa ridursi del 70%. Ma consegneremo a domicilio il prodotto, sia ai nostri clienti abituali per quantitativi importanti, sia anche per quantitativi ridotti a coloro che ce lo chiederanno».

«La Fiera non si può purtroppo fare – conferma il sindaco di Sogliano, Quintino Sabattini – le normative sono chiare e non lasciano spazio a interpretazioni. Il nostro fermo intento è comunque quello di agevolare l’arrivo di acquirenti di formaggio direttamente alle Fosse. Nel borgo non ci saranno eventi collaterali o mostre. Anzi una mostra ci sarà: è quella esposta in piazza e dedicata a Gianni Rodari, montata un paio di mesi fa. Il nostro forte impegno sarà quindi di essere al fianco degli operatori nelle modalità che ci saranno consentite».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui