A Sogliano firme contro il Comune per l’area verde “tagliata”

Petizione per salvare il verde. A Bivio Montegelli oltre una quarantina di firme per fermare l’eliminazione dell’unica area verde presente nella frazione che si trova sulla E45 ma fa parte del Comune di Sogliano e dove sorgono un centinaio di alloggi.

A sorpresa il Comune cambia un progetto che fa imbufalire i residenti che si dicono tenuti all’oscuro: «Come residente in località di Bivio Montegelli – informa Dean Lucchi – mi sono fatto portavoce di un comitato spontaneo sorto a difesa del verde che sta per essere ridotto in maniera drastica. Sono quindi a rappresentare le ragioni dell’opposizione al nuovo progetto di edilizia del Comune di Sogliano sul terreno dell’unica area verde della frazione, dove sorgeranno due strutture sportive».

«L’attuale parco verrà trasformato in un piccolo giardino pubblico – prosegue il portavoce – per dare spazio a due infrastrutture adibite a calcetto e a tennis, a uso esclusivo di tesserati dalla società di gestione degli impianti su un terreno dove prima per la frazione c’era l’unica zona verde. Uno spazio che deve rimanere a disposizione della comunità – prosegue la protesta – Gli interventi sono stati approvati modificando il progetto iniziale proposto alla cittadinanza che vedeva la struttura del tennis in sostituzione dell’attuale impianto di calcetto. Con le modifiche apportate gli impianti andranno a eliminare l’unica area verde della frazione».

È stata quindi inviata una petizione alla sindaca di Sogliano. A seguito di una riunione avvenuta in data 13 aprile alla palestra della scuola elementare di Bivio Montegelli sarebbero emersi vari disappunti in merito al cambiamento del progetto. «Molti cittadini non erano stati informati e non erano quindi presenti. Erano presenti invece una ventina dei soci della polisportiva interessati alle strutture che ovviamente hanno votato a favore. Quando i residenti sono venuti a conoscenza della variazione e delle nuove disposizioni delle strutture, in un pomeriggio hanno raccolto le firme di oltre quaranta famiglie contrarie al progetto, consegnate direttamente in Comune a Sogliano». Poi il referente del Comitato spontaneo conclude: «Chiediamo un incontro con una nostra delegazione al fine di rivalutare le modifiche apportate, a nostra insaputa, al precedente progetto di riqualificazione, con penalizzazione dell’unico parco presente a Bivio Montegelli, in una zona dove sono sorti cento alloggi che rimarrebbero con un verde esiguo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui