A Misano il rombo dei cuori

Si dice in Romagna che i bambini imparino prima a fare la piega con la moto che a scrivere. Un’esagerazione? Forse. Benvenuti nella Motor valley che da giorni attira a Misano migliaia di appassionati. La corsa è fatta di tanti elementi: tecnologia, talento, passione e un pizzico di follìa. Sfrecciare a 300 orari non è da tutti: a vederli dalla tribuna o dalla corsia dei box sembra uno scherzo, ma non è così. A quella velocità l’asfalto si stringe fino a diventare un nastro sempre più sottile, da equilibristi. Il minimo errore è fatale, una caduta e addio sogni.

C’è un filo rosso che collega le gare di ieri a quelle di oggi. Lo sguardo dei piloti è lo stesso, il coraggio anche. Tazio Nuvolari, “Il mantovano volante”, è stato un grande campione anche in moto legando il suo nome alla Bianchi, con la Freccia celeste. Dalle vittorie eroiche alle leggende come il sorpasso a fari spenti (mai avvenuto) il passo è breve. Vera invece l’incisione su un platano abbattuto al circuito del Te, nella sua città. “Questo è l’albero sfiorato dal respiro di Nuvolari”. Per lo scrittore Cesare De Agostini l’antenato di Valentino Rossi è stato però Omobono Tenni, “Il diavolo nero”. Di lui ricordava la vittoria nel Tourist Trophy all’Isola di Man con la Guzzi e la cronaca del giornalista della Bbc: “Le notizie che mi pervengono da ogni zona del circuito concordano su un solo punto: Tenni sta curvando con folle abbandono, alimentando dubbi sul fatto che egli possa finire la gara in un pezzo solo”.

Oggi scendono in pista i discendenti di questi campioni, anche italiani, e la buona notizia è che il ritiro di Rossi non ha impoverito la MotoGp. Anzi. La Romagna continua a sfornare talenti come Bastianini, Bezzecchi, Dovizioso (che oggi saluta la tribù e si ritira) e a ricordare i suoi figli perduti come Simoncelli. Perché il cuore dei piloti non smette mai di battere.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui