Nascono a Fusignano le mascherine chirurgiche distribuite in Romagna: la Baruffaldi Plastic Technology, divisione del Gruppo Dosi, ha infatti sviluppato una linea per la produzione di mascherine completamente automatica, in grado di produrre 100-120 pezzi al minuto. La prima linea, che sarà pronta a metà giugno, è stata venduta proprio alla società Codice Srl, sempre di Fusignano, prima azienda in Romagna per volumi nella commercializzazione di dispositivi medici di questo tipo. “E’ stata la naturale evoluzione del know-how sviluppato in Baruffaldi – spiega l’amministratore Alberto Dosi – Abbiamo pensato di applicare le nostre tecnologie alle necessità di questo difficile e complesso momento, venendo anche incontro all’esigenza di tenere basso il costo del prodotto finito grazie a una macchina ad alta produttività”.

Con questa nuova linea si producono mascherine chirurgiche in tessuto non tessuto a tre strati, saldati con un esclusivo sistema di saldatura ad ultrasuoni: la mascherina risulta così morbida, con una buona permeabilità all’aria ed un’ottima filtrazione degli agenti patogeni e della polvere, secondo le norme e i requisiti tecnici chirurgici. L’intero progetto è stato sviluppato in smart working a tempo di record ed è entrato a far parte dell’offerta Baruffaldi, già presente nel settore biomedicale con macchine per la produzione di tubi per i respiratori: “La linea sta riscontrando un grande interesse sia in Italia che all’Estero, anche perché il marchio Baruffaldi esporta quasi il 90% della propria produzione ed è conosciuto in tutto il mondo – aggiunge Dosi – e si prospettano altri ordini in brevissimo tempo. La competenza dei nostri tecnici e il coinvolgimento di tutto il personale nel progetto garantirà anche un’efficiente assistenza post vendita”.

Argomenti:

coronavirus

fusignano

lugo

mascherine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *