Già era saltata la parte preponderante degli stand con i cibi a base di pesce, ora con il dpcm salta anche la parte fieristica. L’edizione 2020 di “Il Pesce fa festa” deve rinunciare anche alle bancarelle nella vie della città. Se ne è preso atto oggi dopo una riunione in municipio che ha visto al partecipazione di Confcommercio e Confesercenti. I ristoranti potranno portare avanti le iniziative e i menù dedicati per questo appuntamento mentre stand e bancarelle non verranno allestiti, il pensiero va già all’edizione del 2021.

Contestualmente sono invece confermate fino al 2 novembre del concessioni di suolo pubblico per i ristoranti che utilizzano i dehors all’aperto e l’amministrazione sta lavorando di concerto con le associazioni di categoria per prendere decisioni relative ai prossimi mesi.

Argomenti:

fiera

pesce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *