A Cesena barriere architettoniche tolte in 5 strade

Sono 5 le strade in cui sono previsti i primi interventi secondo quanto suggerito dal Peba, il piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Si tratta di via Gaspare Finali, piazza del Popolo, viale Carducci, viale Mazzoni e via Zeffirino Re. È in queste vie che saranno investiti i primi 150mila euro, già previsti a bilancio per abbattere le barriere.

Lo ha spiegato ieri in Commissione consiliare l’assessore all’inclusione Carlo Verona. Il suo intervento è stato preceduto da quello di Leris Fantini, titolare dello studio a cui l’amministrazione ha affidato la redazione del Peba e che nel corso dello scorso anno ha lavorato al censimento delle criticità che esistono nel centro cittadino. Un censimento fatto attraverso sopralluoghi, battendo palmo a palmo oltre 30 km lineari di centro cittadino, e raccogliendo le risposte a un questionario a cui hanno partecipato 66 cesenati.

Le criticità individuate, attraverso le schede, sono state classificate, individuando anche le possibili soluzioni, e sono poi state inserite in un software che consente all’amministrazione non solo di tenere traccia degli interventi necessari, ma anche di “pesarne” l’importanza in termini di priorità tenendo conto anche dell’impatto economico. Le pavimentazioni sono quelle che richiedono la maggior quota di interventi, nella relazione dello studio di Leris Fantini si stimano necessari interventi per 521.329 euro, ma sono previsti, tra gli altri, interventi anche sull’arredo urbano (13.573 euro), per rendere più sicuri gli attraversamenti (12.241 euro), per diminuire i dislivelli pericolosi (109.876 euro). Sono stimati invece in 151.595 euro gli interventi necessari a rendere questa porzione di città più accessibile ai non vedenti.

Nella sua relazione Fantini ha raggruppato gli interventi dividendoli in tre gruppi: da un lato quelli che riguardano l’arredo urbano (13.573 euro), quelli che rientrano nella manutenzione straordinaria (221.586 euro), ma la maggior parte (756.926 euro), e questa è una buona notizia, possono essere inclusi nella manutenzione ordinaria.

La relazione definisce 7 stralci da 150mila euro ciascuno di interventi. «Quest’anno partiamo con il primo grazie ai 150mila euro già previsti a bilancio – ha detto l’assessore Verona – ma con la consapevolezza che per le prossime annualità dovremo prevedere risorse maggiori: l’obiettivo è infatti quello di accorpare alcuni di questi stralci per arrivare alla fine del mandato che la gran parte, se non proprio la totalità di questi interventi è stata realizzata».

Ha aggiunto: «Sebbene le pavimentazioni di piazza del Popolo rappresentino una priorità non è da qui che partiremo, ma da viale Mazzoni dove gli interventi possono essere più immediati e procedere mentre avviamo il confronto con la Soprintendenza a cui spetta l’ultima parola sull’adeguatezza delle modifiche alla pavimentazione che andremo a proporre».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui