A Brisighella al via gli incontri per stimolare il Teatro del Gusto

Prenderà il via domani il percorso partecipativo incentrato sulla ristrutturazione del Teatro Pedrini e sulla sua annunciata configurazione come “Teatro del Gusto”: una definizione, nata dall’idea dell’architetto Gian Luca Zoli, autore del progetto, che non ha mancato di suscitare critiche e perplessità tra quanti temono che puntare sulla carta enogastronomica significhi giocare al ribasso nell’offerta culturale. Mentre si attende che partano i lavori per il restauro, già rimandati più volte, sono in tanti ad avere risposto all’appello lanciato alcuni mesi fa su queste colonne dall’ex sindaco Davide Missiroli: l’appuntamento sarà alle ore 21 nella Sala Ambra del circolo Arci in via Balduzzi. Il sottotitolo della locandina dell’incontro recita “Uniamo cultura, università, prodotti del territorio, artigianato, arte, enologia e gastronomia”, a indicare la direzione che si intende dare al tavolo di lavoro.

Numerose le adesioni già riscontrate: si va da Carlo Catani, ex direttore dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e oggi progettista per Tempi di Recupero, al gruppo de “Il Crinale”, studio di registrazione e casa per residenze d’artista sulle colline, fino ai Vignaioli Indipendenti, oltre a Lea Gardi de “Il lavoro dei contadini”, Vincenzo Tronconi del Presidio Slow Food, Franco Spada del Consorzio Olio Dop, che sta lavorando per portare in Emilia-Romagna una scuola dell’extravergine di oliva. Non mancherà, naturalmente, l’architetto Zoli, e altri nomi si aggiungeranno nei prossimi giorni. «Sicuramente – spiega Missiroli – servirà anche confrontarsi con le opinioni dei giovani brisighellesi. Ne abbiamo già invitati alcuni». Anche perché per Brisighella la partita da vincere è quella del XXI secolo, che in molti piccoli borghi della Penisola significa evitare lo spopolamento.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui