A Borghi trovata soluzione dopo la sospensione di medico no vax

Servizio medico interrotto sul territorio: il sindaco riottiene il servizio e trova anche un punto d’appoggio-ambulatorio per la frazione di Stradone. Trovata una soluzione per limitare i disagi soprattutto alle persone anziane dopo che la dottoressa no-vax di Borghiè stata sospesa dall’Ausl in quanto non vaccinata.

Nelle settimane scorse l’Ausl aveva inizialmente incaricato il dottor Ivano Magnani, con ambulatorio a Sogliano. Il primo cittadino di Borghi Silverio Zabberoni aveva però subito protestato energicamente e detto che la soluzione non poteva essere quella definitiva visto che i pazienti borghigiani dovevano recarsi fuori Comune e la popolazione è abbastanza anziana e non sempre automunita.

Da oggi «Abbiamo la ripresa del servizio di ambulatorio medico nei locali comunali di piazzetta Andrea Costa nel capoluogo – comunica il sindaco – Arrivano due dottoresse sostitutive, che saranno presenti dal lunedì al venerdì al mattino e martedì e giovedì anche al pomeriggio. Dal 13 al 17 settembre e dal 27 settembre al 8 ottobre ci sarà la dottoressa Sofia Bersani, mentre dal 20 al 24 settembre ci sarà la dottoressa Isabella Tommasoni. Nonè ottimale, ma è una situazione temporanea per far fronte all’emergenza».

Poi una buona notizia anche per la frazione più popolosa del territorio comunale: «Grazie alla collaborazione con la farmacia di Lo Stradone che ci mette a disposizione gratuitamente un ulteriore ambulatorio, verrà data quanto prima una risposta anche a questa frazione. Poi l’Ausl si sta attivando per scegliere, quanto prima, un medico definitivo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui