Oltre 40mila persone alla Fiera agricola del Santerno a Imola

IMOLA. Sono state oltre 40mila le presenze da venerdì sera a domenica sera alla Fiera agricola di Imola. Per la nona edizione della Fiera è stato un successo davvero grande. Una formula di successo, che sa attirare tutte le generazioni, dagli anziani ai bambini, grazie alla ricchezza delle proposte in campo, arricchita quest’anno in modo straordinario dalla novità della Mostra Nazionale del Cavallo Agricolo Italiano da Tiro Pesante Rapido (Caitpr). Nata dalla collaborazione fra il Comune di Imola, l’Associazione Italiana Allevatori e l’Associazione Regionale Allevatori dell’Emilia-Romagna ha visto trionfare come Campione italiano di razza sezione stalloni il cavallo “Bramoso”, dell’azienda Andrea Zuffa di Castel San Pietro Terme, in una selezione che ha proposto in gara oltre una sessantina di esemplari provenienti da tutta Italia.

Ancora una volta, la Fiera Agricola del Santerno è stata l’occasione per tutto il mondo agricolo del territorio, e non solo, di mettersi in mostra e farsi conoscere da un vasto pubblico, mentre per le famiglie, ed in particolare per i bambini, è stata l’occasione di vedere e conoscere animali, tradizioni e sapori della realtà agricola. Una fiera destinata a crescere ancora, in futuro, e che il vice sindaco Patrick Cavina vuole sempre più “plastic free”. «Il prossimo anno, infatti, chiederemo a tutti gli espositori presenti di eliminare tutto quello che riguarda la plastica» preannuncia il vice sindaco Cavina. Soddisfazione per “l’ottimo risultato sia in termini di afflusso che organizzativo” è stata espressa anche da Carlo Niccolai, presidente del Consorzio Utenti Canale dei Molini, co organizzatore della fiera col Comune. Il complesso del “Sante Zennaro”, con le sue ampie aree verdi, ha fatto da palcoscenico ideale all’esposizione, degustazione e vendita di prodotti agricoli ed agroalimentari delle aziende agricole produttrici, alla mostra mercato del floro-vivaismo, di macchine ed attrezzature per l’agricoltura, prodotti per il giardinaggio e la zootecnia. Con la possibilità per i visitatori di acquistare direttamente i prodotti agroalimentari proposti dagli espositori. Inoltre grande spazio è stato dato ai laboratori didattici e del gusto, in particolare rivolti ai bambini, come quelli organizzati da casa Piani e dal servizio Diritto allo Studio del Comune di Imola, nell’ambito del progetto di educazione alimentare “Noi per la terra, la terra per noi”. Da segnalare anche gli incontri mirati alle novità tecnologiche in agricoltura, mentre fra le aree più visitate vi sono state quelle dedicate agli animali: oltre al Cavallo Tpr, anche la IX Rassegna Interregionale Razza Asino Romagnolo, la Rassegna della Razza Cavallo Maremmano e la Rassegna del Pollo Romagnolo. Non senza dimenticare le tante proposte gastronomiche presentate dalle sagre del territorio imolese, abbinate ai vini della Doc Colli d’Imola o alle birre di alcuni birrifici artigianali della zona.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui