CESENA. Il “corto”, quel cinema breve che nel 1895 decretò la nascita della settima arte, per sua natura agile, veloce, libero più del lungometraggio, sa reinventarsi ad ogni occasione; tanto più oggi, era tecnologica dell’immagine trova formule che da un lato lo rinnovano con creatività, dall’altro spaziano in una ricerca che può affrontare qualsiasi tema, spaziare in molteplici possibilità di fruizione, interagire con altri linguaggi artistici.
È il caso del “Malatesta short film festival” che nei mesi del lockdown ha studiato possibilità di tornare sulla ribalta; riparte così per una 4ª edizione più ricca di eventi, di film, di luoghi, con decine di opere da scoprire, da sabato 22 a domenica 30 agosto. Diretto artisticamente da Luca Berardi e Valerio Montemurro, con l’organizzazione di Albedo-Arci, «questo nostro festival di “cinema breve”, come preferisco chiamarlo- introduce il direttore Luca Berardi -, compie un salto di qualità e quantità. Ai film del Concorso internazionale, abbiniamo la sezione Extended per opere che appartengono ad ambiti più eterogenei, anche sperimentali, e richiedono modalità di fruizione. Sono 103 le proiezioni di corti, ma anche incontri, mostre, sonorizzazioni».
Il Concorso internazionale
Sono 600 le opere pervenute da 40 paesi del mondo; una ventina i selezionatori del Festival che hanno scelto film e luoghi più consoni. In concorso si vedono 33 corti realizzati negli ultimi due anni, da 18 paesi, suddivisi nelle categorie di Animazione, Documentario, Sperimentale, Fiction. Le proiezioni in lingua originale, sono ospitate al Cinema Eliseo il 27 agosto dalle 20.30 e alla Rocca Malatestiana che torna al cinema, nelle sere di venerdì 28 e sabato 29 agosto. Una novità riguarda la giuria; non più unica, ma formata da 4 giurie indipendenti e specializzate in ogni sezione. Cinque giovani del liceo scientifico Righi, in seguito a un laboratorio del Festival, hanno pure realizzato alcune sottotitolazioni dei film.
Extended
Questa sezione di proiezioni si estende in più luoghi della città e anche oltre le mura. Come avviene per l’apertura del festival, sabato 22 agosto all’Acquedotto di Spinadello a Forlimpopoli; una location naturalistica sul fiume Ronco occasione per installazioni video in tende da campeggio e per la mostra fotografica “Idroscopio”. Le altre location cesenati sono il Museo dell’ecologia, il chiostro di San Francesco, il Magazzino Parallelo, sala Auser, Pinacoteca comunale. Da non perdere “Il cinema d’archivio: Premio Zavattini” al chiostro di San Francesco il 25, 26 e 29 agosto. Da filmati d’archivio già esistenti, giovani film maker di oggi realizzano nuovi lavori che reinventano quegli stessi documentari passati.
Le collaborazioni
Una decina sono le collaborazioni di associazioni del territorio, da Casa Bufalini a Spazi Indecisi, a Progetto Giovani che aggiungono uno sguardo di passione in relazione al territorio di appartenenza: «Vogliamo rendere questo festival l’espressione di una città- interviene Montemurro- capire cosa già esiste che un festival di cinema può raccontare. Casa Bufalini ad esempio mostra come il rapporto tra tecnologia e cultura può essere veicolato attraverso il cinema. Mostrando una esperienza di fruizione che cambia». L’intento del Festival è dunque da un lato offrire un ventaglio ampio di forme di arte cinematografica, dall’altro riflettere sugli avvenimenti raccontati attraverso incontri. Fra questi i primi sono Come leggere il cinema sperimentale (25 agosto ore 19 chiostro), la Sonorizzazione (26 agosto) in collaborazione con il festival CinemaSuono di Cervia, Come guardare un corto (27 agosto Eliseo), I segreti della animazione (28 agosto giardini pubblici).
Prenotazioni e biglietti
Le modalità sono diverse; il biglietto singolo costa 6 euro, l’abbonamento 20 euro, l’accredito sostenitore a 50 euro. Occorre prima tesserarsi con Arci o Albedo. È importante anche prenotarsi. malatestashort@gmail.com Info: 329 1650824. Il costo del festival è di 23 mila euro provenienti da contributi di Comune, di Emilia-Romagna Film Commission e da sponsor.

Argomenti:

cesena

cinema

malatesta short film festival

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *