Forlì, la Cad investe 3 milioni in una casa per anziani in centro

FORLI’. Un luogo protetto, gestito da personale qualificato e dedicato alla cura e all’assistenza delle persone anziane, più vicine alle proprie famiglie perché ospitate in una struttura realizzata nel cuore di Forlì. E’ la Casa Residenza per Anziani: il progetto della CAD, Società Cooperativa sociale Onlus di Forlì associata a Legacoop Romagna, per un investimento di oltre tre milioni di euro, che prende piede – sottolineano dalla CAD – grazie a un finanziamento complessivo di circa 2milioni e 400mila euro, comprensivo di fondi Mise (Ministero per lo Sviluppo economico) per oltre 1milione e 700mila euro e di un mutuo ipotecario di circa 718 mila euro concesso da Social Impact Banking di UniCredit, il programma con cui il Gruppo bancario  punta a identificare, finanziare e promuovere persone e imprese che possono avere un impatto sociale positivo. La nuova struttura sarà realizzata all’interno dell’immobile di via G. Marchini, 1. Si articolerà in due piani, con una dotazione, da collocare a libero mercato, di 60 posti letto e di un centro diurno al piano terra nel quale viene garantita la presa in carico della persona: dal trasporto da e verso casa, al piano individuale che contempla gli aspetti assistenziali, alimentari, di socializzazione ed emotivi, garantendo un contatto continuo con la famiglia. Con la realizzazione della nuova casa residenza per anziani la Cooperativa CAD intende rispondere alle esigenze dei cittadini anziani di Forlì, fornendo loro un centro di cura in città, il più possibile vicino al luogo in cui hanno trascorso la propria vita e ai legami amicali e parentali. A beneficio degli ospiti e delle loro famiglie anche la scelta di definire prezzi calmierati per le rette, nell’ottica di offrire un servizio di qualità etico-sostenibile, garantendo l’accessibilità a molteplici servizi come attività assistenziali specialistiche, infermieristiche, fisioterapiche, di animazione e terapie occupazionali e ricreative. CAD adotterà inoltre un modello produttivo basato su innovazioni di processo delle fasi socio-assistenziali, tramite l’utilizzo di software dedicati utili ad abbandonare i supporti cartacei e gestire on-line tutta la documentazione che monitora: necessità, bisogni e patologie degli ospiti, grazie all’ausilio di tablet e PC. Inoltre, grazie al meccanismo del pay for success, UniCredit Social Impact Banking erogherà 12mila Euro per l’acquisto di ulteriori dispositivi utili alla comunicazione a distanza degli ospiti con i parenti, a fronte del raggiungimento di obiettivi di eccellenza percepita nella qualità del servizio e di miglioramento dell’autonomia e benessere per i beneficiari.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui