Volley donne, la stretta anti-Covid della Lega femminile

Campionati covid-free, atlete e staff tecnici vaccinati, obbligo di green-pass per accedere agli impianti. Sono i principi che le società di Serie A femminile hanno definito in vista della prossima stagione sportiva, quella della cosiddetta “ripartenza”. I presidenti dei club di A1 e A2, riunitisi in Consulta, hanno sottoscritto un documento condiviso, destinato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali, in cui si esprime la netta contrarietà al provvedimento del Governo che limita al 25% la capienza dei palazzetti per le discipline indoor e si annunciano forti prese di posizione nell’eventualità che la tanto proclamata riapertura si risolva in impianti semivuoti. Il provvedimento ha spazzato via ogni buon proposito di società che intravedevano il cosiddetto ritorno alla normalità e la possibilità, con il progredire della campagna vaccinale, di riaprire le porte degli impianti ai tifosi, alle famiglie, alle ragazze e ai ragazzi, alle migliaia di appassionati che con entusiasmo e rispetto per l’avversario occupano le tribune dei campi di pallavolo femminile. Una limitazione così penalizzante significherebbe vedere nuovamente ridotte le entrate dalla biglietteria, interrompere le campagne abbonamenti, privare gli sponsor locali, che costituiscono una grossa fetta dei ricavi delle società, della giusta visibilità. «Ridurre al 25% la capienza dei palazzetti, in completa antitesi rispetto a quanto fissato per altri settori della vita sociale e ad altre discipline sportive, non è ammissibile – afferma Mauro Fabris, presidente della Lega – Auspico che gli imminenti incontri con il Governo conducano a regole più ragionevoli, che ci consentano di riaprire i palazzetti almeno al 50% della loro capienza. La consideriamo una condizione necessaria per portare avanti l’attività di vertice della pallavolo femminile, vanto del nostro paese».
«Le consulte dei presidenti di A1 e A2 femminile hanno sottoscritto un documento che enuncia dei principi chiarissimi – illustra poi il presidente Fabris – Tutte le atlete, italiane o straniere, che vorranno giocare nei nostri campionati, dovranno aver completato il ciclo di vaccinazione. Stessa regola per i componenti degli staff tecnici e dirigenziali. Non ci sarà spazio per i no vax nei nostri palazzetti, che siano atlete, addetti ai lavori o spettatori. Si potrà entrare solo se muniti di green-pass ottenuto a seguito di doppia vaccinazione o che certifichi la guarigione dal Covid-19. Non basterà, dunque, il tampone negativo nelle 48 ore precedenti. Vogliamo dei campionati covid-free e lavoreremo con le istituzioni per promuovere la vaccinazione tra i tesserati e tra le fasce più giovani della nostra popolazione».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui