“Vietato mostrare nudità: distrae gli automobilisti”. Cervia e il giro di vite anti-lucciole

Giro di vite alla prostituzione sulla statale Adriatica, sulla provinciale 254 e sulla 71 bis. Secondo l’ordinanza del sindaco, infatti, in quelle strade è vietato «offrire prestazioni sessuali a pagamento, consistenti nell’assunzione di atteggiamenti di richiamo, di invito o di saluto allusivo». Al bando anche l’abbigliamento «indecoroso o indecente», che si traduce nel «mostrare nudità, distraendo gli utenti della strada con comportamenti o movenze varie». Vietato inoltre chiedere informazioni alle lucciole e concordare con loro «prestazioni sessuali a pagamento». Per i conducenti scatta la sanzione pure quanto si compiono «manovre pericolose o di intralcio alla circolazione stradale». L’ordinanza è valida anche per la Rotonda delle Saline, dove si espande a volte il fenomeno della prostituzione, ma pure in molte vie laterali della Malva nord e sud.
Per i trasgressori la sanzione va da un minino di 300 ad un massimo di 500 euro. «La diffusione del fenomeno pregiudica le condizioni di vita dei cittadini – recita il testo della ordinanza –, costituendo per essi fonte di grave turbativa e insicurezza, come testimoniato da numerose segnalazioni, denunce e iniziative». Si evidenzia da più parti l’impossibilità di convivere con chi si apposta ai margini della strada, creando gazzarra per tutta la notte, ai danni delle abitazioni circostanti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui