Stop alla moria di edicole a Cesena: “Tutti chiudono, io l’ho aperta”

CESENA. È una scelta decisamente in controtendenza quella di Andrea Sintucci: mentre prosegue (apparentemente inarrestabile) la moria di edicole, lui ha deciso di aggiungere alla sua storica attività di tabaccheria e ricevitoria, anche quella di edicola.

Il nuovo servizio
Così dal 15 luglio in via Sobborgo Comandini 1, davanti alla farmacia Santini, fa bella mostra di sé la tabaccheria, ricevitoria, sala slot e ora anche edicola Sintucci e i primi apprezzamenti da parte del vicinato non hanno tardato ad arrivare. Due anni fa aveva chiuso il chiosco edicola di porta Trova, in via Gaspare Finali e a poche decine di metri dalla tabaccheria che ora ne prende il posto, ma a quella chiusura nel giro di poco tempo si sono sommate tante altre chiusure che hanno reso l’acquisto del quotidiano un’impresa più ardua di quanto non fosse mai stato. Con il centro storico sguarnito di edicole, a parte quella a fianco del Duomo.

Partenza in estate
Un po’ per offrire un servizio che quella porzione di città aveva perso, un po’ per la voglia di mettersi alla prova «con nuovi stimoli», Andrea Sintucci ha scelto l’estate per buttarsi «in questa nuova avventura». «Ho scelto il mese di luglio, quando la città comincia a svuotarsi e il lavoro rallenta un po’ per avviare anche la parte di edicola per darmi il tempo di entrare nelle dinamiche dei resi, delle specificità contabili di questo mondo. Alcuni meccanismi sono simili a quelli della tabaccheria, ma le edicole sono molto più complesse e per questo ho preferito partire con calma».

Aiuto da colleghi
Fondamentale in questa fase di partenza, tiene a sottolineare Sintucci, «È stata Daniela, edicolante di via Fratelli Bandiera. Lei e il figlio Matteo sono stati un aiuto preziosissimo. Daniela si è messa a disposizione con una generosità incredibile per aiutarmi a imparare tutto quello che la gestione di un’edicola comporta… È proprio una grande!».

Terza generazione
Con Andrea, la tabaccheria di porta Trova è alla terza generazione di Sintucci: «Vendiamo tabacchi dal 1952, negli anni il lavoro è cambiato, abbiamo sempre tenuto il lotto e la parte di ricevitoria, negli anni qui da noi ci sono state anche vincite consistenti, poi è arrivata la sala slot e adesso la nuova avventura è l’edicola, che così è tornata esattamente dove si trovava fino al 1950 quando a gestirla era la famiglia Zampagna».

Primo periodo positivo
«Il primo periodo di apertura è andato bene, la risposta rionale c’è stata e ora speriamo di continuare a crescere. A differenza di altre edicole posso contare anche su orari di apertura più ampi: io sono aperto dal lunedì al sabato dalle 6 alle 13 e dalle 16 (in estate 16.30) alle 21».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui