Sciopero, Cisl scuola: “Taglio organici e classi pollaio, ma non si intende investire”

BOLOGNA. In Emilia-Romagna “Abbiamo un problema di organici e di classi pollaio”. Ma su questo “non si intende affatto investire”. Così Monica Barbolini, segretaria regionale della Cisl scuola, spiega la ragioni dello sciopero indetto oggi a livello nazionale. “In Emilia-Romagna abbiamo un problema di organici e di classi numerose – spiega Barbolini ai microfoni di Radio Flyweb – è vero che gli studenti in generale diminuiscono: calano nelle scuole dell’infanzia e alle primarie, mentre c’è una situazione stabile alle medie. Alle superiori invece, dove abbiamo le cosiddette classi pollaio, gli studenti continuano ad aumentare”. Quindi, insiste la sindacalista, “avremmo la necessità di investire su questo punto, che era contemplato nel Patto per la scuola firmato un anno fa a Palazzo Chigi e che è contemplato anche nella missione quattro del Pnrr”. Invece, attacca Barbolini, “su questo aspetto in realtà non si intende affatto investire, tant’è vero che nel decreto 36 approvato il 30 aprile scorso, è previsto nel giro di tre anni un taglio di 10.000 posti per i docenti negli organici di diritto”. Da qui parte lo sciopero di oggi, che darà vita a una manifestazione nazionale a Roma. “Saremo in piazza Santi Apostoli- dice Barbolini- e saremo numerosi”. I sindacati della scuola chiedono “una formazione per tutti e non per pochi, come invece recita il decreto 36- spiega l’esponente Cisl- vorremmo l’assunzione del personale precario che da anni lavora nella scuola. Vorremmo il rinnovo del contratto, scaduto ormai da più di tre anni. E soprattutto vorremmo che si investisse nella scuola, quindi no ai 10.000 posti tagliati nel decreto”. Questo, afferma Barbolini, “riguarda tutto il Paese. Si tratta di capire se veramente si intende spendere risorse per la scuola o se semplicemente si usano solo parole per dire che la scuola è al centro del Paese e poi fattivamente non accade nulla”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui