Al rientro nel proprio appartamento dopo qualche mese di assenza scopre che qualcuno l’ha utilizzato per un lungo periodo, con tanto di sparizione di soldi.

Come si può ben immaginare, la sensazione non è stata affatto piacevole per l’anziana pensionata di via Garibaldi rientrata nella propria abitazione dopo i mesi del periodo invernale e del periodo dell’emergenza sanitaria trascorsi a casa di una sorella a Forlì, un modo per farsi compagnia e anche per risparmiare qualcosa.

Ma un gran risparmio non deve esserci stato perché le bollette del periodo parlano di consumi praticamente normali.

L’amara sorpresa

«Quando penso a quello che è successo mi prende fastidio – commenta la signora comprensibilmente amareggiata e preoccupata -. Una o più persone sono entrate forzando l’ingresso del mio appartamento. Nello stesso edificio c’è anche un altro appartamento dove ufficialmente non risulta nessuno. E comunque la porta principale d’ingresso dell’edificio non risultava forzata. Sono i misteri sampierani». Chi è entrato ha frugato dappertutto e sono spariti un po’ di soldi, circa 150 euro, e un orologio. «Avevo un barattolo di vernice gialla in casa – continua la signora – con dei pennelli e sono state fatte delle strisce sulle pareti. La pentola a pressione che avevo mi è stata cambiata con un’altra più vecchia. Ho pagato la luce. Ho pagato il riscaldamento. Ho trovato un calzino nel letto. Se non c’ero come facevo a consumare. Qui qualcuno si è installato e ha trovato tutto per vivere e risparmiare».

Altri misteri

E se quel qualcuno fosse stata una persona nuova nella zona magari i vicini avrebbero potuto notarlo. Nell’altro appartamento dell’edificio non risulterebbero ufficialmente persone residenti o domiciliate, ma qualcuno “di fatto” ci abita, secondo la signora. Qualche tempo fa la donna avrebbe trovato nella sua posta una bolletta dell’acqua intestata a un’altra persona e indirizzata anch’essa allo stesso numero di via Garibaldi. L’accaduto, con la forzatura della porta d’ingresso, i furti, l’occupazione abusiva del suo appartamento, è stato denunciato ai carabinieri di San Piero. Ma non risultano interventi o provvedimenti e crescono la sensazione di insicurezza e la preoccupazione dell’anziana signora.

Argomenti:

coronavirus

san piero in bagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *