Rimini. Infermieri in lutto: si è spento Raffaele Pennella

È scomparso improvvisamente ieri, all’età di 57 anni, Raffaele Pennella, da molti anni segretario del sindacato infermieristico Nursind di Rimini e iscritto all’Ordine delle professioni infermieristiche provinciale.

«Raf, come lo chiamavano gli amici, ha dedicato la sua vita professionale alla tutela degli infermieri e della professione con onestà, dedizione, caparbietà e tanta umanità – lo ricorda Nicola Colamaria, presidente dell’Ordine -. Era dipendente dell’Azienda Usl della Romagna e si occupava di salute mentale da sempre». Colamaria sottolinea come «negli anni, sono migliaia gli infermieri riminesi che si sono rivolti a lui per un consiglio o un sostegno. Raf possedeva una grande capacità di ascolto, di cui si serviva con i suoi pazienti e con i colleghi che si rivolgevano a lui». Ma «prima di tutto, però, Raf era un gran uomo e a me piace ricordarlo principalmente per questa caratteristica. Si è sempre diviso tra il lavoro, il sindacato, che era la sua passione, e la sua famiglia, a cui ha sempre riservato il primo posto. La moglie è infermiera e due dei tre figli (uno si è laureato poche settimane fa) hanno seguito le sue orme, orgogliosi di un padre che ha saputo trasmettere loro la passione di aiutare chi soffre. La comunità degli infermieri di Rimini perde un pezzo di sé e si stringe attorno alla famiglia, ai pazienti e a tutti coloro che lo hanno conosciuto ed apprezzato».

«Raffaele è stato per molti di noi un collega e un amico – aggiunge la Uil Flp di Rimini –, una persona intellettualmente corretta, un uomo sempre proiettato verso il futuro. La Uil Fpl ne piange la scomparsa ed esprime il proprio dolore stringendosi attorno alla sua splendida famiglia». l.b.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui