Rimini. La Confcommercio: “Limite pagamenti cash a favore solo delle banche”

«Continuiamo a farci del male». L’espressione diventata cult nel film “Bianca” di Nanni Moretti viene presa in prestito dal presidente provinciale di Confcommercio, Gianni Indino, a proposito delle nuove regole scattate dal primo gennaio: dimezzato il massimale del contante utilizzabile per i pagamenti, sceso da duemila a mille euro.

Una decisione presa dal Governo che il numero uno di Ascom non ha gradito, visto che la ritiene «l’ennesimo colpo contro gli imprenditori e le attività economiche che ancora una volta dovranno subire gli effetti negativi in un periodo già molto difficile».

Ostacolo agli acquisti

Secondo Indino infatti «limitare la capacità di spesa degli acquirenti, impedendo loro di pagare con le modalità che preferiscono rappresenta un ostacolo che porta a contrarre in modo ulteriore la possibilità di comprare».

Secondo l’esponente di Confcommercio «dopo due anni di enormi difficoltà andava fatta una scelta diversa», ma soprattutto non «bisognava adottare una scelta che va in modo palese verso un favore alle grandi banche, che in questo modo, con il pagamento con le carte di credito e con i bancomat, possono guadagnare grazie alle commissioni».

Il peso delle commissioni

Per questo motivo Indino ricorda che «i costi che ricadono sulle spalle di una attività economica con l’utilizzo delle carte sono alti e in questo momento diventano sempre più insostenibili».

La strada da percorrere sarebbe quindi quella di «non mettere alcun limite al pagamento in contanti».

Oppure, conclude il presidente di Confcommerio, nel caso si voglia avere come obiettivo quello del contrasto ai pagamenti in nero e all’evasione fiscale, l’opzione da adottare sarebbe quella di «proporre carte senza commissioni: le attività economiche a quel punto non avrebbero nulla da obiettare; gli imprenditori in questo momento vanno infatti aiutati per il rilancio economico e non vanno ostacolati con inutili proposte che nulla fanno se non creare danni».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui