Ravenna, lavoro finto per truffare l'Inps: in 15 a processo

Ven 14 Giugno 2019 | Redazione Web


RAVENNA. Non più di due settimane fa erano stati arrestati per lo scandalo del “caporalato” nelle due case famiglia che gestivano, dove i dipendenti erano costretti a lavorare in condizioni disumane. Ieri invece, i coniugi Denis Gualandi e Antonella Michela Tassinari sono stati rinviati a giudizio assieme ad altre 13 persone, complici di un gioco di assunzioni e licenziamenti fittizi finalizzato a incassare i soldi della disoccupazione.
Un “giochino”, quello che sarebbe stato architettato da Franco Corrado, 56enne originario di Predappio e titolare di “Hrocca” ditta edile con sede legale a Castrocaro Terme, che più o meno funzionava in questo modo: assumeva e versava regolarmente i contributi a tutti i dipendenti.

Peccato però che nessuno di loro lavorasse. A fare fede era la carta: lettere di assunzioni e di licenziamenti, presentate dopo un periodo di lavoro fittizio sufficiente per chiedere la disoccupazione all’Inps.
L'articolo nell'edizione di oggi del Corriere Romagna

Condividi su Facebook    Condividi su WhatsApp

,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *