Ravenna, evade dal centro di salute mentale, ruba il camion dei rifiuti e scappa

Una storia incredibile, con una fuga culminata con il ritrovamento in autostrada a Modena grazie al lavoro di squadra delle forze dell’ordine.

Stavano terminando di caricare i rifiuti dell’ospedale dentro il camioncino quando, improvvisamente, lo hanno visto partire davanti ai loro occhi e fuggire in strada passando da viale Randi. I due addetti alla raccolta dei rifiuti, dopo aver assistito al furto del loro mezzo, hanno immediatamente chiesto l’intervento dei carabinieri, che si sono recati sul posto dando immediatamente il via alle indagini. Erano le sei del mattino circa, quando ieri i militari hanno iniziato le ricerche del mezzo scomparso, immettendo la targa nel sistema di controllo per fare in modo che, in caso di passaggio da un qualche varco videocontrollato, venisse immediatamente segnalato.

Gli inservienti raccolgono i cassonetti fuoriusciti dal camion durante la precipitosa fuga del paziente (foto Massimo Fiorentini)


Il sospetto, fin da subito, è stato che a compiere il furto potesse essere stato qualcuno intenzionato, poi, a commettere un furto o una rapina proprio utilizzando quel mezzo.
Le ricerche hanno dato esito positivo qualche ora più tardi e con non poca sorpresa da parte dei militari che si erano messi sulle tracce del o dei ladri. A bordo del mezzo, infatti, i carabinieri hanno trovato un 40enne originario del lughese che, ieri mattina, si era appropriato del mezzo per la raccolta dei rifiuti speciali dell’ospedale dopo essere riuscito a scappare dal centro di igiene mentale. Una volta fuori dalle mura del servizio psichiatrico, l’uomo ha visto quel mezzo aperto, con le chiavi inserite e, senza pensarci due volte, ha pensato bene di salirci sopra e mettersi alla guida per scappare da quel luogo, dove si trovava in cura da qualche giorno. Una lunga fuga fino a Modena, dove è stato fermato.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui