Podcast

F1, la voce Sky Carlo Vanzini: “Imola è un’emozione diversa e speciale”

Venerdì parte il week-end del Gran Premio di Imola e la voce per eccellenza delle emozioni della Formula Uno è il...

Rimini, perde il lavoro e compie rapine a Savignano e Santarcangelo

RIMINI. L’autore della rapina a mano armata messa a segno il 12 marzo al Conad di Savignano è Paolo Bianchi, autista...

Rimini, guarisce dal Covid-19 ma “muore dopo il vaccino”

RIMINI. Viene vaccinata subito dopo essere guarita dal Covid e muore tre ore dopo l’iniezione. Per fare chiarezza su quanto accaduto...

Massimo Pulini e il Caravaggio “ritrovato”

Il pittore e storico dell'arte romagnolo Masimo Pulini racconta della sua attribuzione di un dipinto al Caravaggio, di cui è uno...

Rimini, i figli di Vincenzo Muccioli querelano Netflix

I figli di Vincenzo Muccioli, tornato alla ribalta per un documentario di grande successo, difenderanno in tribunale la memoria del padre. Nel mirino, tra l’altro, le allusioni sulla morte e sulla presunta omosessualità. Gli eredi del fondatore della Comunità di San Patrignano, Andrea e Giacomo, hanno infatti querelato per diffamazione aggravata la società Netflix che ha realizzato il lavoro sulla figura del patron riminese. La docu-serie in cinque puntate, intitolata “SanPa. Luci e tenebre a San Patrignano” è disponibile dal 30 dicembre scorso sulla piattaforma on-line Netflix: ha riscosso grandi consensi da parte del pubblico e ottenuto riconoscimenti, ma si è attirata le critiche di chi, salvato per esempio dalla droga grazie alle intuizioni di Muccioli, l’ha definita parziale e tendenziosa