CALCIO SERIE D

13/02/2019 - 11:22

di RICCARDO RINIERI

Al Morgagni è la notte del derby: Forlì per salvarsi, Cesena per volare

Protti: "Dobbiamo provarci e vedere cosa succede". Angelini: "Mi aspetto una partita equilibrata e difficile".

Al Morgagni è la notte del derby: Forlì per salvarsi, Cesena per volare

FORLÌ. Un derby che è come un’eclissi, non si vedeva in campionato da 54 anni e chissà quando si ripresenterà. Con la prevendita che ieri è volata oltre i 2.600 tagliandi e una città per la prima volta da inizio stagione in fibrillazione ha ragione Stefano Protti quando dice: «Queste sono partite che si preparano da sole. E’ un incontro di prestigio per la città e per i giocatori ma alla fine contano solo i 3 punti. Il Forlì sta attraversando un buon momento: nelle ultime tre gare abbiamo portato a casa 3 punti ma ne meritavamo il triplo. Venderemo cara la pelle».

Il ruolino di marcia del Cesena in trasferta (9 vittorie consecutive) non intimidisce il tecnico: «Dobbiamo provarci e vedere cosa succede. Se ci limitiamo ai numeri la partita non la giochiamo neppure. Ci siamo allenati per fare la nostra partita come a Giulianova: il Forlì sarà attento ma non remissivo. Certo che se diamo al Cesena la possibilità di giocare l’uno contro uno può risultare molto pericoloso per noi».

In conferenza stampa è intervenuto anche Emmanuel Cascione, 113 partite con il Cesena: «In questo momento mi interessa solo che il Forlì vinca. Mentalmente la squadra sta molto bene, si è compattata e mi pare giunto il momento della raccolta. Se guardiamo le potenzialità delle due squadre, non mi pare ci sia tutta questa differenza fra noi e loro».

Bisognerà sfruttare i punti deboli della squadra di Angelini. «Il Cesena cerca il gol con molti uomini ma questo li costringe a scoprirsi ed infatti spesso prendono gol, poi in attacco hanno un potenziale importante che consente loro di ribaltare il risultato».

Non soffre di nostalgia, Cascione, ma il legame con Cesena resta molto forte: «Il Cesena è stato costruito molto bene poi a campionato in corso sono intervenuti cambiando il portiere e rinforzando l’attacco. Cosa succede se faccio gol? Non penso di esultare non voglio creare malumori e dispiaceri» . Qui interviene Protti: «Prima vediamo se lo fa, al resto penseremo» Chiusura con Cascione: «Il Forlì deve fare una prestazione importante ma la strada per la salvezza non dipende da questa partita: ci arriveremo solo a fine campionato».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c