CALCIO SERIE D

12/01/2019 - 11:13

di FRANCESCO BARONE

Nessun segnale dalla società, il Santarcangelo gioca coi baby. Striscione anti Mestrovic

Oggi al Mazzola la squadra di Galloppa si affida ai giovanissimi contro la Jesina

Nessun segnale dalla società, il Santarcangelo gioca coi baby. Striscione anti Mestrovic

SANTARCANGELO. Si gioca. Anche se di soldi non se ne sono visti e di certezze e garanzie neppure l’ombra. Ma solo perché il tanto atteso faccia faccia tra giocatori e staff del Santarcangelo e il vicepresidente Stasa Hefti non c’è stato. Impegni di una certa rilevanza hanno trattenuto Hefti lontano dalla Romagna. Quindi l’appuntamento è per questo pomeriggio alle 14.30 al Valentino Mazzola dove salirà la Jesina in quello che è un vero e proprio spareggio play-out.

Peccato che il Santarcangelo ci arrivi in un momento che definire tragico, sportivamente parlando, è poco. La squadra non vince una partita da quasi tre mesi (1-2 a Pineto, 14 ottobre), poi otto pareggi e sei sconfitte. Come se non bastasse questo mercato ha visto partire giocatori del calibro di Cascione, Maini, Mancini, Cinque che ancora devono essere rimpiazzati lasciando a Daniele Galloppa una rosa davvero ristretta. E visto che le brutte notizie non vengono mai sole, a tutto questo, oggi, occorre aggiungere le assenze di Gabrielli che si è infortunato appena arrivato con la Recanatese, Bondioli e Gaiola squalificati. E non ci sarà neppure Galloppa in panchina viste le tre giornate rimediate dopo il derby con la Savignanese.

La difesa, a parte Fabbri a sinistra, sarà inedita e composta tutta da under: in porta Battistini (2000), a destra Aristei (1998), centrali Corvino (1999) e Guglielmi (2001). A centrocampo spazio a Peroni e Pigozzi sugli esterni con Moroni e Dhamo centrali. In avanti Guidi e Bernardi, altro 2001.

«Non so se ci serva un miracolo - dice Daniele Galloppa - so, invece, che la mia squadra metterà in campo una grande partita sia sotto l’aspetto della voglia di soffrire sia sotto quello tecnico-tattico. Questi sono ragazzi giovani, ma molto in gamba e mi fido a occhi chiusi, la prestazione ci sarà certamente». Da un paio di giorni è stato appeso un altro striscione che recita: Mestrovic, vattene. A suggellare un amore tradito.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c