RAVENNA

07/08/2018 - 11:47

di GIANLUCA BARBONI

Pallavolo, la Consar Ravenna abbraccia il Porto Robur Costa

L’azienda nuovo sponsor triennale. Rosetti: «Grosso impegno fatto col cuore per la città del volley»

Pallavolo, la Consar Ravenna abbraccia il Porto Robur Costa

La presentazione della partnership (foto Massimo Fiorentini)

RAVENNA. Sarà la Consar, azienda ravennate leader nel settore trasporto e logistica, a legare il proprio nome, per i prossimi tre anni, a quello del Porto Robur Costa.

Bella notizia

Ieri mattina, in una Sala Consiliare del Comune di Ravenna gremita di appassionati, alla presenza del sindaco e dell’assessore allo sport, è avvenuta la presentazione ufficiale del nuovo main sponsor del volley ravennate. «È la prima volta da direttore generale che presento un main sponsor – esordisce soddisfatto Marco Bonitta – e sono lieto che sia uno di noi». Il sindaco Michele De Pascale ha aggiunto subito che «andiamo tutti in ferie con una bellissima notizia, per la città e per tutti i tifosi del volley, che per Ravenna non è solo uno sport, ma parte di ciò che siamo e che saremo. La pallavolo è uno sport sano, un grande esempio nazionale per bambini e bambine. Sono convinto che il presidente Rosetti, che porta avanti la propria storica società con tenacia ed energia, riuscirà a trasmettere la propria grinta ai dirigenti ed alla squadra». «In questa sala sono già tre anni che festeggiamo il volley – gli fa eco Roberto Fagnani, assessore allo sport – nel 2016 abbiamo presentato il ritorno del volley al Pala De Andrè, nel 2017 abbiamo presentato il nuovo palasport, la splendida vittoria della Challenge Cup e oggi presentiamo un’azienda storica, che ha deciso di dare una mano alla squadra della città, un aiuto importante in un anno di importanti anniversari, 100 anni di volley e 40 anni di Consar».

Il retroscena

Il presidente del Porto Robur Costa, Luca Casadio, racconta l’antefatto dell’accordo. «Una settimana fa mi ha chiamato Veniero Rosetti, che ci sostiene già da alcuni anni, dicendomi che per i 40 anni della Consar avrebbe voluto fare una donazione al reparto di Pediatria dell’Ospedale di Ravenna (Casadio è anche primario del reparto ndr). Il fatto che in un momento così importante per la sua azienda, Veniero abbia pensato al sociale mi ha reso molto felice ed in sintonia con lui, considerando che anche con la nostra società di pallavolo abbiamo sempre investito molto nel sociale, spesso a discapito dei conti e dei risultati, ma andando sempre a letto con la coscienza a posto. Nel colloquio che ho avuto con lui per definire la donazione, probabilmente ha visto trasparire la mia tristezza, dovuta al fatto che nell’anno del centenario del volley ravennate e nazionale non riuscissimo a trovare uno sponsor, e mi ha detto che si sarebbe fatto vivo presto. Due giorni dopo mi è arrivato un suo messaggio con scritto: noi siamo con voi».

Impegno

«Quando ho presentato al consiglio di amministrazione del nostro Consorzio la proposta di sponsorizzare la pallavolo – dichiara il presidente di Consar, Veniero Rosetti - mi sono sentito rispondere: noi siamo con la società. Per noi è un impegno non indifferente, ma ho visto che è sostenibile e fatto col cuore, e ho visto l’entusiasmo di tutta la struttura. È un impegno per la città del volley e per le sue istituzioni, con le quali abbiamo sempre avuto rapporti corretti e leali. Spero che i dirigenti possano lavorare con maggiore tranquillità per i prossimi tre anni, siamo convinti di investire sulle persone giuste, infatti sono le persone che fanno le cose, non le cose che fanno le persone. La nostra lunga tradizione dell’attività – ha concluso Rosetti – si sposa perfettamente con i valori dell’eccellenza del territorio ravennate, valori che si riflettono nella cultura sociale, nel lavoro e nello sport, ed è proprio questo il filo conduttore che ha portato Consar a scegliere di investire nel progetto di crescita di Porto Robur Costa».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c