SAN MARINO

19/11/2018 - 07:05

San Marino, nuovo comitato piccoli azionisti Bsm: "Mai avuto ascolto, chiediamo attenzione"

Sono 1.830 e rappresentano il 9% del capitale sociale. «Siamo investitori e clienti, rivendichiamo maggiore considerazione alle nostre proposte»

San Marino,  nuovo comitato piccoli azionisti  Bsm: "Mai avuto ascolto, chiediamo attenzione"

SAN MARINO. Nei giorni scorsi un gruppo di azionisti di minoranza della Banca di San Marino ha dato vita al comitato “Amo Bsm fondata nel 1920” con lo scopo di coordinare i piccoli azionisti per canalizzarne in un’unica voce le comuni richieste ed esigenze. «Molti degli oltre 1830 piccoli azionisti di minoranza di Banca di San Marino – sottolinea una nota – acquistarono le azioni al momento della prima emissione, nel 2001, quando l’attività di Banca di San Marino venne conferita in una società per azioni. Moltissimi da allora hanno voluto mantenere queste azioni nonostante la marcata perdita di valore subita negli ultimi esercizi. E’ perciò evidente che i piccoli azionisti sono in prevalenza persone che hanno investito parte dei loro risparmi nelle azioni della banca, non tanto con un intento speculativo, ma piuttosto per essere parte di questa importante istituzione sammarinese».

Ed è anche per questo motivo che gli oltre 1830 piccoli azionisti di minoranza «per la quasi totalità anche clienti di Bsm, si aspettavano una particolare attenzione alle loro voci, una considerazione che andasse oltre alle esigue percentuali del capitale sociale da loro rappresentate che complessivamente si aggirano intorno al 9%». In passato gli azionisti di minoranza nell’occasione delle assemblee hanno più volte rivendicato all’azionista di maggioranza Ente Cassa di Faetano, detentore del 90% circa delle quote, una maggiore considerazione per le loro proposte, ad esempio attraverso la richiesta di nominare almeno un membro di espressione degli azionisti di minoranza nel cda «ma purtroppo non hanno mai avuto ascolto».

Il comitato ricorda come «a inizio settembre il cda di Bsm ha comunicato pubblicamente di avere messo in cantiere uno studio per un’ipotesi di fusione/integrazione con la Cassa di Risparmio di San Marino, senza averne dato nemmeno una preventiva informazione all’assemblea degli azionisti, anzi smentendo categoricamente pochi mesi prima persino l’esistenza di decisioni, analisi o studi prodromici ad una ipotesi di fusione».

Il comitato è aperto a tutti i piccoli azionisti di minoranza di Banca di San Marino che potranno manifestare la loro volontà di aderirvi inviando un messaggio alla pagina Facebook “Amo Bsm” oppure inviando una e.mail a amobsm1920@gmail.com

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c