RIMINI

11/01/2019 - 00:01

Rimini, ubriaco e drogato fugge dalla polizia, costretto a costituirsi dalla mamma

Al rientro a casa il 38enne ha trovato la Stradale: denunciato e patente ritirata per guida pericolosa

Rimini, ubriaco e drogato fugge dalla polizia, costretto a costituirsi dalla mamma

RIMINI. Ubriaco e drogato fugge dalla polizia, costretto a costituirsi dalla mamma. Protagonista della movimentata nottata, un 38enne che ora per un po sarà costretto a muoversi con i mezzi pubblici. La patente, infatti, gli è stata ritirata dopo l’inseguimento cui l’altra notte ha costretto un equipaggio del Reparto prevenzione crimine di Bologna. Gli agenti hanno incrociato la Hyundai su cui l’uomo viaggiava con una persona al momento senza nome, in viale Regina Elena. L’autista della vettura coreana, alla vista della volante, ha spinto subito sull’acceleratore.

L’inseguimento

I poliziotti a loro volta hanno dato gas, ma quando hanno agganciato il 38enne, questo prima ha rallentato, e poi è ripartito bruscamente ed ha imboccato viale Mantova a tutta velocità dove, nuovamente rallentava, consentendo alla volante di intimargli l’alt. Inseguimento finito? Assolutamente no. Schiacciato a tavoletta il pedale del gas, l’autista ha ripreso nuovamente la fuga a manetta: viale Mantova, via Marconi in direzione Riccione; saltato il semaforo rosso all’incrocio con via Martinelli, ritornava su viale Principe di Piemonte dove ha alternato sorpassi azzardati e brusche frenate. Nel frattempo il capo pattuglia ha chiesto rinforzi: in supporto sono arrivate volanti e una pattuglia della Polstrada. Ma anche chiudere in una morsa a tenaglia ii fuggitivi è bastato. L’autista della Hyndai si è lanciato contromano lungo viale Pescara.

Troppo pericolo

A questo punto tenuto conto della condotta dissennata del fuggitivo, accertata che l’auto non risultava rubata, gli agenti hanno contattato la proprietaria, una signora 61enne di Montescudo. Che saputo cosa il figlio aveva combinato, preso il telefono, lo ha chiamato intimandogli di presentarsi immediatamente a casa. Al suo rientro, verso l’1, il 38enne è stato accolto dagli agenti della pattuglia della Polstrada e dai colleghi della Volante della Questura. I primi gli hanno ritirato la patente, i secondo, l’hanno invece accompagnato begli uffici di corso d’Augusto, da dove è uscito, ormai all’alba, stringendo nelle mani la denuncia per guida in stato di ebbrezza e alterazione psicofisica per uso di sostanze stupefacenti (è risultato positivo al test sulle droghe) e resistenza a pubblico ufficiale. Reato, quest’ultimo, ravvisato nel mancato rispetto dell’alt imposto dagli agenti e successiva fuga a folle velocità.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c