RIMINI

01/11/2018 - 10:00

di ENRICO CHIAVEGATTI

Rimini, tappi dosatori scambiati per droga, prosciolto dal Gup dopo 4 anni

Barman alla prima esperienza era finito in una inchiesta sullo spaccio in un noto locale riminese. Per gli investigatori il “metal pour” era metanfetamina

Rimini, tappi dosatori scambiati per droga, prosciolto dal Gup dopo 4 anni

RIMINI. Una intercettazione ambientale interpretata male e tappi dosatori per bottiglie (metal pour) sono diventati una manciata di pasticche di metanfetamina. È l’incredibile errore che fino ieri ha condizionato la vita di un barman oggi 26enne, finito nel 2014 in un’inchiesta sullo spaccio di droga dietro al bancone del bar di un noto locale della movida riminese. Ieri, finalmente, ha potuto tirare un sospiro di sollievo: il Gup Vinicio Cantarini lo ha infatti prosciolto dall’accusa.

Lavoro certosino

Fondamentale per questo risultato, il lavoro del suo difensore, l’avvocato Maria Elena Nanni. Il legale, infatti, ha voluto verificare, effettivamente, la dichiarazione di assoluta estraneità all’inchiesta professata dal suo cliente. Il ragazzo, alla sua prima esperienza come barman, fin dal loro primo colloquio, si era infatti detto vittima di un clamoroso errore giudiziario. Che l’unica cosa contrattata con uno degli altri quattro co-imputati, un professionista dei cocktail, non era stato l’acquisto di pasticche per lo sballo ma uno dei componenti base del kit per barman, il dosatore “metal pour” appunto.

La svolta

Accertato che l’accusa di spaccio per il suo assistito era stata formulata sulla base di una sola intercettazione ambientale (il locale era stato riempito anche di piccole telecamere per riprendere acquisti e cessioni), l’avvocato ha chiesto e ottenuto di poter ascoltare la registrazione originale. Che ha confermato in pieno quello che il suo assistito le aveva più volte ripetuto: con il collega aveva parlato solo di dosatori. Trascritta nuovamente l’intercettazione, l’avvocato Nanni ha anche dato spiegazioni alle cifre trattate dai due barman. E lo ha fatto allegando un listino prezzi del metal pour scambiato per metanfetamina. Tutte le nuove prove sono state così portate all’attenzione del giudice Cantarini che ieri mattina, dopo aver a sua volta ascoltato la registrazione, non ha potuto far altro che prosciogliere dall’accusa il 26enne. Provvedimento, ovviamente, esteso anche al barman con cui aveva trattato l’acquisto.

Il giudice ha invece disposto il rinvio a giudizio, per spaccio, di altri due indagati mentre per un terzo ha accolto la richiesta di messa alla prova.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c